Lino Marmorato – Il portiere non c’è

Il direttore di Buoncalcioatutti: "Che Donnarumma valesse 70 milioni di euro era solo nella testa del suo procuratore Raiola. Gigio deve crescere quanto Perin dopo gli errori di Pescara"

84

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il portiere non c’è. Usa le mani, gli altri i piedi. Leva il pallone dal gioco mentre tutti gli altri lo inseguono per giocarla. Sta dentro l’area di rigore  e osserva da fuori. Se fa il suo dovere di lui non si accorge nessuno, se sbaglia va a finire subito in croce.

Tutto ciò  è successo al povero Donnarumma nella Finale di Coppa Italia.
Massacrato il giovane portiere da coloro che i giorni precedenti – o i mesi – lo avevano idolatrato. Persino la stessa mattina prima della gara di Coppa Italia con paginate intere: “dovrebbe essere la notte del passaggio di consegne. Dai guantoni di Gigi a quelli di Gigio per la Nazionale azzurra”.

 Dopo gli errori tutto è cambiato: “Due papere che neanche all’oratorio“ il titolo più bestiale. Figurarsi dai sociali come sarà stato massacrato.

Adesso tutti incominciano a chiedersi perché Gattuso e il Milan abbiano deciso di far arrivare Pepe Reina il prossimo anno a Milanello. Per tutti doveva sostituire Donnarumma, adesso se dovesse rimanere Gigio aiutarlo a scacciare via i fantasmi della pressione mediatica sportiva troppo ingombrante. Operazione non facile perché…CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTO L’ARTICOLO SU BUONCALCIOATUTTI.IT

Lino Marmorato – Buoncalcioatutti.it

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.