Lega serie A: Brunelli lascia l’incarico, De Siervo è il nuovo amministratore delegato

L'ex dirigente lascia la Lega dopo oltre 20 anni di carriera per assumere l'incarico di direttore generale della Figc

160
Il "badge" della Serie A 2018/2019
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Cambio della guardia nella Lega di Serie A. L’attuale amministratore delegato, Marco Brunelli, ha annunciato nel corso dell’assemblea dei 20 club, svoltasi oggi in sede a Milano, che lascerà la carica il 18 febbraio per diventare direttore generale della Figc: lascia la Lega dopo oltre 20 anni di carriera. Luigi De Siervo (che ha ricoperto lo stesso incarico in Infront Italia) entrerà in carica nella stessa data. Invece non è stato ancora nominato il nuovo consigliere di Lega in sostituzione di Marco Fassone: nella prima votazione nessun candidato ha ottenuto i 14 voti necessari all’elezione, che sarà riproposta alla prossima assemblea.
In un comunicato della Confindustria del pallone si legge che “il presidente Gaetano Miccichè ha informato l’Assemblea sulle decisioni assunte dal Consiglio Federale lo scorso 30 gennaio (nuove norme di sospensione delle gare per episodi di discriminazione; attribuzione della decisone sui propri format alle singole Leghe) e aggiornato i rappresentanti dei club sulle relazioni con Governo e Istituzioni circa i temi di interesse della Lega Serie A, sottolineando l’importante risultato ottenuto nella lotta alla pirateria con il provvedimento del Tribunale di Milano che ha bloccato l’accesso alla principale Iptv pirata”.
Riguardo agli ascolti della Supercoppa in Arabia Saudita, Micciché ha spiegato che “ha avuto record di ascolti su Rai con un picco di share del 40% – prosegue la nota – e circa 10 milioni di telespettatori. A Gedda si è avuta una grande partecipazione di pubblico, con il tutto esaurito allo stadio King Abdullah Sports City con oltre 63 mila presenze di cui il 25% femminili. Inoltre, sono state instaurate positive relazioni politiche e sportive con il Governo Saudita, apparso determinato a sviluppare nuovi rapporti con Lega Serie A e con l’Italia”.
Infine sulla ripartizione delle risorse audiovisive, “è stata demandata a un’apposita Commissione la definizione degli aspetti tecnici” conclude il comunicato.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.