L’appello della Viareggio Cup ai Monopoli di Stato: «Fermate le scommesse sul torneo»

Il presidente del Centro Giovani Calciatori Alessandro Palagi: «Se non sarà possibile per la parte finale della manifestazione, sarà nostra cura rilanciare la proposta per l’edizione del 2020»

131
Viareggio Cup Genoa-Bologna Genoa-Dukla Praga
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Ammesso che sia possibile a questo punto della manifestazione, abbiamo chiesto ai Monopoli di sospendere l’autorizzazione a far comparire sui palinsesti giornalieri delle società concessionarie, le puntate sulle partite sia della Viareggio Cup maschile, giunta agli ottavi di finale, che sul torneo femminile al via domani (19 marzo, ndr)». Queste le parole del presidente del Centro Giovani Calciatori (la società organizzatrice) Alessandro Palagi mandate per lettera ai Monopoli di Stato per chiedere che venga posto rimedio alla piaga che ha infettato questa 71ª edizione della Viareggio Cup. Secondo quanto affermato da Palagi, sarebbero state fatte grosse puntate sulle partite giocate dalla squadra georgiana Norchi Dinamo Tiblisi: formazione immediatamente eliminata dalla competizione. «Noi vogliamo che il torneo – ha continuato – sia schermato dalle scommesse: se non sarà possibile per la parte finale della manifestazione, sarà nostra cura rilanciare la proposta per l’edizione del 2020. D’altronde è una battaglia a difesa e tutela del calcio giovanile che portiamo avanti da tempo».

Saranno poi un’occasione di ricordo gli ottavi di finale di questa competizione. A precedere il fischio d’inizio, sarà infatti proclamato un minuto di silenzio in memoria di Cino Marchese, il noto manager sportivo, scomparso domenica. La decisione, immediatamente accolta dalla commissione tecnica e dalla direzione arbitrale che sovrintende alla manifestazione, è stata presa dal consiglio direttivo del Centro Giovani Calciatori. Queste le parole di Palagi poco dopo la tragica notizia: «Ricordare Cino con un minuto di raccoglimento è il minimo che potessimo fare: abbiamo perso un grande sostenitore della nostra manifestazione».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.