Il Genoa è la squadra più alta e “autoctona” in campo in Serie A

Il 22.4% del minutaggio è di calciatori con almeno tre anni trascorsi al club tra i 15 e i 21 anni

8666
Pandev Destro Genoa
Pandev e Destro faccia a faccia dopo il pareggio (Foto Genoa cfc Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Poteva esserci l’impressione, ora dal CIES Football Observatory arriva anche la conferma: il Genoa, tra le squadre di Serie A, è quella con più nuovi titolari, in media, dopo il Benevento. Il lavoro statistico prende in esame il minutaggio ottenuto in questa stagione dai giocatori (dati aggiornati al 1° dicembre) e traccia il numero di mesi che in media i calciatori hanno trascorso nel club. Il risultato? Nell’undici titolare del Genoa, è come se ogni giocatore fosse arrivato 16 mesi fa.

BENEVENTO E LAZIO – Numeri più alti li ha solo il Benevento (15,8), rivoluzionato in estate con 7 arrivi, tra cui gli ex genoani Iago Falqué e Lapadula, e 15 operazioni in uscita. La classifica delle squadre con meno mesi di permanenza in rosa dei calciatori schierati premia la “stabilità” della Lazio: gli undici schierati da Simone Inzaghi hanno trascorso in media 40 mesi nell’ambiente biancoceleste. Tra le squadre meno propense a cambiar pelle in sede di calciomercato, anche Napoli (38.5), Atalanta (33.4) e Sassuolo (32.3).

ALTEZZA E VIVAIO – Ma ci sono due altre specialità in cui il Grifone primeggia. La prima è la seguente: da inizio stagione, quella del Grifone è la formazione più alta della Serie A (185,9 cm, davanti a Juventus e Lazio entrambe a 185,2), in una classifica che vede all’opposto il Napoli come squadra più bassa schierata in campionato (180,6 cm). La seconda invece è una statistica interessante, perché prende in considerazione – sull’intero minutaggio – la percentuale occupata da calciatori che hanno giocato almeno tre stagioni tra i 15 e i 21 anni nel club in cui risultano attualmente tesserati. Cosa viene fuori? Il 22.4% dei minuti del Grifone è occupato da giocatori formati per un triennio nel vivaio genoano. Un dato che testimonia il lavoro effettuato dalle giovanili rossoblù e che premia i vari Perin, Zima, Bani, Criscito, Ghiglione, Sturaro, Rovella e Micovschi. E ormai un anno fa, lo stesso CIES aveva stimato che il Genoa cambiasse due moduli all’anno in media…

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.