Genoa-Chievo: indagati sette tifosi rossoblù per lancio di mortaretti e fumogeni

Il questore applicherà nei loro confronti il Daspo

42
Il Ferraris avvolto da una nube rossoblù durante Genoa-Chievo (Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

ono stati identificati e denunciati poiché ritenuti responsabili del lancio di mortaretti, fumogeni e oggetti contundenti avvenuto durante la partita contro il Chievo al Ferraris, sospesa dall’arbitro per alcuni minuti. Secondo Primocanale sono giovani genovesi incensurati. Questi ultimi, che agirono a volto coperto, sono stati identificati attraverso le immagini delle telecamere dello stadio: sono indagati per detenzione di lancio di materiale esplodenti durante una manifestazione pubblica. Il questore di Genova Sergio Bracco applicherà nei loro confronti il Daspo.

Stamane si è svolta una perquisizione presso le abitazioni degli indagati in cui sono stati sequestrati gli abiti indossati il 30 aprile allo stadio. Inoltre sono stati trovati sfollagente, mazze da baseball e tirapugni.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.