Festa della bandiera di Genova: i giocatori al derby con una maglia speciale durante il riscaldamento

L'iniziativa è stata presentata stamattina a palazzo Tursi dal sindaco Bucci assieme ad altre autorità

775
Marco Bucci (terzo da destra) durante la presentazione della festa della bandiera di Genova (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Prenderanno il via domenica al derby le celebrazioni per la prima festa della bandiera di Genova e San Giorgio, che cadrà il 23 aprile. I giocatori di Genoa e Sampdoria svolgeranno il riscaldamento con una maglia speciale, su cui sarà stampata la Croce di San Giorgio , il pubblico vedrà uno spot sui display. L’iniziativa è stata presentata stamane a Palazzo Tursi, presente il sindaco Bucci, degli assessori Bordilli e Grosso, di esponenti della Giunta, altre istituzioni, rappresentanze dei commercianti e di Genoa e Sampdoria. Sono previsti una serie di eventi e di manifestazioni con il contributo della Regione Liguria: saranno distribuiti gratuitamente in più punti di Genova 15mila vessilli con la croce rossa in campo bianco. Inoltre, gli atleti che parteciperanno alla Regata Storica delle Repubbliche marinare isseranno la bandiera sul Galeone per consegnarla all’Istituto Gaslini, presente con l’equipe che ha effettuato il primo auto-trapianto polmonare su paziente pediatrico. La celeberrima “Ma se ghe pensu”, l’inno di Zena, risuonerà per le strade tra i genovesi invitati a esporre le bandiere ai balconi.

Sarà una festa che servirà a rappresentare l’orgoglio e la voglia di rinascita genovese dopo la tragedia di Ponte Morandi, come ha sottolineato il primo cittadino. «La festa rappresenta un’occasione per valorizzare le tradizioni di Genova – ha spiegato Bucci – e soprattutto veicolare un messaggio di unità dopo tutto quello che è successo. Un’unità dimostrata giorno dopo giorno con i fatti. E’ giusto che la città faccia festa dopo aver sofferto tanto e trasmetta questo stato d’animo all’esterno. La festa della bandiera porta un messaggio di coesione. Genova vuol essere la prima città del Mediterraneo e un player internazionale come già succede per le sue eccellenze. Abbiamo la seconda industria cantieristica più importante al mondo. Un territorio di una bellezza unica su cui puntare».

La presentazione della festa della bandiera di Genova (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.