La Covisoc boccia Bari, Cesena e Avellino: escluse dalla Serie B

I tre club possono ricorrere entro il 16 luglio prossimo procedendo a una ricapitalizzazione, regolando i pagamenti arretrati con i tesserati e i relativi adempimenti fiscali

1217
Avellino AGCM
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La Covisoc boccia la posizione di Bari, Cesena e Avellino. I club, al momento, non potranno iscriversi al prossimo campionato di Serie B. La sentenza non è definitiva poiché è possibile che le società presentino ricorso entro il 16 luglio. Devono procedere a una ricapitalizzazione, regolare i pagamenti arretrati con i tesserati e i relativi adempimenti fiscali. Situazione non troppo rosea anche secondo Sky Sport.

Il Bari ha bisogno un aumento di capitale di 4,5 milioni di euro. Il presidente Giancaspro si è impegnato per 1,5 milioni ma ne mancano altri 3 per raggiungere la quota necessaria. Il Cesena si era iscritto ugualmente al prossimo campionato, pur mancando l’accordo con l’Agenzia delle Entrate che non ha permesso la rateizzazione del debito contratto. Inutile è stato l’appello ripetuto del presidente Lugaresi di coinvolgere le istituzioni nel salvataggio della società, per cercare l’aiuto di imprenditori locali. L’Avellino, invece, non ha risolto i problemi relativi alla ricapitalizzazione.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.