Addio a Nicola Pugliese, indimenticabile sportivo e grande imprenditore

Se ne è andato un punto di riferimento per il calcio dilettantistico ligure ed il mondo imprenditoriale

1616
Nicola Pugliese (foto di Roberto Bobbio)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Genova sportiva ed imprenditoriale è in lutto.

Se ne è andato un punto di riferimento per il calcio dilettantistico ligure ed il mondo imprenditoriale, Nicola Pugliese.

Si fece conoscere a fine anni ’60 al mitico torneo in notturna “a sette” del Palasport, dove ogni sera in estate arrivavano oltre tremila appassionati per seguire la manifestazione. Lui in questo torneo ha prevalso spesso, con la squadra che portava il nome della sua attività, la Carrozzeria Italo di Via Carcassi a Genova.

Nicola Pugliese era il “Presidentissimo dei Dilettanti”, il “Re dei Autocarrozzieri”; era anche maestro dell’eleganza, con il suo immancabile papillon.

Conosciuto, apprezzato ed affermato nel campo automobilistico, Nicola Pugliese dopo gli inizi con il Calcio Notte è stato Presidente durante l’epoca d’oro del Rapallo Ruentes, poi della Levante Pegliese e della Sestrese. E pure della Fia Italbrokers, squadra che ha recentemente partecipato ai Campionati Nazionali UISP.

I suoi successi registrati in campo sportivo hanno fatto di Nicola Pugliese (nella foto di Roberto Bobbio) un personaggio sempre all’avanguardia ed attento al cambiamento dei tempi; ma era molto apprezzato anche nel suo lavoro, e dopo aver lasciato ad altri la Carrozzeria Italo aveva creato – ed è tuttora un punto di riferimento per gli automobilisti non solo genovesi la “Carrozzeria Nicola”(“Auto Pugliese”) prima in Via Bobbio e da oltre trent’anni a Molassana, 300 metri a destra dopo il Campo sportivo dello Sciorba.

Certo, il suo nome ed il suo impegno rimarra’ in assoluto legato all’organizzazione del mitico torneo estivo del Palasport genovese: sfide memorabili con atleti memorabili: Mainetto, Nizzola, Garibaldi, Venanzi… con migliaia di spettatori a seguire l’evento sfidando il caldo torrido dell’impianto genovese.

Altri tempi, altri interessi genuini, altri uomini.

Ciao Nicola.

Franco Ricciardi

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.