Messaggi prima di Spezia-Parma: gli emiliani rischiano il deferimento

Non sarà archiviata l'indagine della Procura federale sui messaggi inviati da due giocatori emiliani a due avversari dello Spezia prima della gara che ha consentito ai nerocrociati di essere promossi in A. Pecoraro dovrà valutare se il capo d'imputazione riguarda la slealtà oppure l'illecito

1402
Parma
Una gara del Parma in serie B 2017 2018 (Tweet ufficiale Parma Calcio 1913)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Non c’è pace per la serie B. Dopo il caso Frosinone-Palermo chiusosi oggi, non sarà infatti molto probabilmente archiviata l’inchiesta su Spezia-Parma, ultima gara del campionato di serie B che ha consentito il ritorno degli emiliani in serie A dopo 3 anni. Secondo la Gazzetta dello Sport il procuratore federale Giuseppe Pecoraro chiederà infatti a breve i deferimenti per l’indagine sui messaggi WhatsApp inviati da due giocatori del Parma a due avversari dello Spezia.

La “rosea” sottolinea che dovrebbe essere una riunione tra i procuratori Figc per sciogliere il rebus del capo d’imputazione. La prima ipotesi riguarda la semplice slealtà sportiva oppure la più grave contempla l’illecito sportivo. “Solo tentato – riporta il quotidiano – perché Filippo De Col e Alberto Masi, i giocatori dello Spezia destinatari dei messaggini di Emanuele Calaiò (due) e Fabio Ceravolo (uno), li hanno prontamente mostrati ai propri dirigenti, che hanno avvisato la Procura”. Tuttavia il codice non fa differenza tra l’illecito consumato e quello solo tentato: se passerà la linea più dura, i due giocatori rischiano una lunga squalifica mentre il Parma, coinvolto per responsabilità oggettiva, dovrebbe dire addio alla serie A. Nel caso in cui giudici del Tribunale federale nazionale accogliessero le richieste dell’accusa, c’è il rischio che si scateni un pasticcio per il meccanismo delle promozioni. L’eventuale penalizzazione per gli emiliani sarebbe infatti applicata sulla classifica del campionato di serie B appena concluso: questi ultimi hanno ottenuto un punto in più del Palermo che di conseguenza è molto club interessato all’esito di questa inchiesta e ha già chiesto gli atti alla Procura, ma hanno chiuso il campionato a pari punti con il Frosinone. I ciociari hanno conquistato la Serie A sul campo, al termine dei playoff: un’eventuale penalizzazione di un punto del Parma li porterebbe al secondo posto, che gli avrebbe dato la promozione automatica alla massima serie. Gli emiliani e i siciliani sarebbero appaiati al 3° posto, con gli scontri diretti favorevoli ai primi: in tal caso chi dovrebbe andare in serie A? Si svolgerà un altro play off? Per ora sono soltanto ipotesi.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.