L’entourage di Platini precisa: «Totalmente estraneo ai fatti»

«Non si tratta in alcun modo di un arresto ma viene ascoltato come testimone» si legge in un comunicato diffuso dai collaboratori dell'ex presidente Uefa

177
Michel Platini (Foto Klearchos_Kapoutsis da Wikipedia)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Michel Platini «non ha assolutamente niente da rimproverarsi e afferma di essere totalmente estraneo ai fatti». Un comunicato dei collaboratori dell’ex presidente dell’Uefa, ripreso ha precisato la sua posizione nell’inchiesta riguardante il presunto giro di corruzione per l’assegnazione dei Mondiali in Qatar nel 2022. «Non si tratta in alcun modo di un arresto ma viene ascoltato come testimone, in una condizione voluta dagli inquirenti che permette di evitare che le persone ascoltate possano accordarsi fuori dalla procedura», precisa il comunicato diffuso dai media francesi e ripreso da Gazzetta.it.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.