Iafa: fissata l’udienza finale al Tar per il 4 luglio e richiesta alla Figc l’implementazione del vigente regolamento

L'associazione degli agenti di calciatori chiede l'annullamento e/o emendamento del “nuovo regolamento per i servizi degli intermediari”

16
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La Iafa – Italian association of football agents – comunica che a seguito delle reiterate istanze inoltrate dal proprio collegio difensivo, ha ottenuto dal Tar Lazio la fissazione dell’udienza di merito il 4 luglio prossimo relativa al giudizio Rg. no. 6246/2015, per la richiesta di annullamento e/o emendamento del “nuovo regolamento per i servizi degli intermediari”, disposto dalla Fifa e recepito dalla Figc con decorrenza 01/04/2015.

Si comunica altresì che nelle prossime ore, sarà inoltre presentato un interpello di merito alla “Direzione Generale per l’attività ispettiva” del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Ciò premesso, ci auguriamo che nell’immediato “dopo-elezioni” per la Presidenza federale, che si terranno il prossimo 6 Marzo, la Figc possa quantomeno operare una “implementazione” del regolamento vigente ed attualmente “sub judice”, preferibilmente concertandola con il re-istituito Ministero dello sport, con il Ministero del lavoro e con il Coni, così come accaduto in altri paesi dell’Unione Europea, e come assicuratoci in occasione della consultiva riunione ufficiale tenutasi presso la sede federale in data 30 Ottobre 2015.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.