Crollo ponte Morandi: i percorsi alternativi della società Autostrade

Tutte le possibili soluzioni illustrate in un comunicato dell'azienda

640
Maurizio Genoa Genova Ponte Morandi

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sulla A10 Genova-Savona, tra il bivio per la A7 Serravalle-Genova e Genova Aeroporto, è chiuso il tratto in entrambe le direzioni a seguito del crollo di una parte del viadotto Polcevera;

Percorsi alternativi:

Chi da Savona o Ventimiglia è diretto a Genova o Livorno può utilizzare la A26 Genova Voltri-Gravellona Toce, successivamente la D26 Diramazione Predosa-Bettole e la A7 Milano-Genova in direzione Genova.

Chi da Livorno o Genova è diretto a Savona/Ventimiglia, può percorrere la A7 Milano-Genova, seguire le indicazioni per la D26 Diramazione Predosa-Bettole per poi immettersi sulla A26 Genova Voltri-Gravellona Toce in direzione Genova e proseguire per Savona.

Coloro che sono diretti al porto di Genova e provengono da Milano o Livorno, possono percorrere la A7 Milano-Genova ed uscire a Genova ovest, percorso inverso per chi dal porto è diretto verso Milano o Livorno.

L’aeroporto di Genova è raggiungibile dalla A10 utilizzando l’uscita di Genova Aeroporto per chi proviene da Ventimiglia; invece chi proviene da Milano o Livorno deve uscire a Genova ovest sulla A7.

Chi da Torino e Frejus è diretto a Livorno si consiglia di percorrere la A21 Torino-Piacenza-Brescia, successivamente la A7 verso Genova per poi proseguire in A12 Genova-Livorno.

Per le lunghe percorrenze, dal Frejus e Traforo del Monte Bianco verso il corridoio tirrenico si consiglia la A21 Torino-Piacenza-Brescia proseguire in A1 Milano-Napoli verso sud per poi percorrere la A15 Parma-La Spezia.
Percorso inverso in direzione Frejus e Traforo del Monte Bianco.

Chi da Ventimiglia è diretto verso il corridoio Adriatico può percorrere la A10 fino a Savona, proseguire sulla A6 Torino-Savona e successivamente sulla A21 Torino-Piacenza-Brescia e quindi a seconda della destinazione percorrere la A4 Torino-Trieste, o la A1 Milano-Napoli e quindi la A14 Bologna-Taranto.

In un’altra nota del 16 agosto scorso Autostrade spiega: “Sulla base della sollecitazione pubblica del Sottosegretario Rixi, e per favorire lo svolgimento delle preziose attività di soccorso, Autostrade per l’Italia annuncia che le ambulanze non pagheranno più il pedaggio sulla propria rete. La decisione ha effetto immediato”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.