Tariq Hamoodi, alla scoperta del partner di Gallazzi per l’acquisto del Genoa

Irlandese cresciuto in Canada, trent'anni e partner del fondo Bybrook Capital. Hamoodi vuole ristrutturare il debito e rilanciare il Genoa

56
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il nome nuovo del Genoa è Tariq Hamoodi. Non stiamo parlando di calciomercato ma del destino della proprietà rossoblù. Il sito Lettera43 traccia il profilo del partner di Bybrook Capital, fondo di investimento da due miliardi di dollari di base a Londra che sta dietro Giulio Gallazzi.

Hamoodi, banchiere irlandese cresciuto in Canada, ha trent’anni. Vuole ristrutturare il debito del Genoa, circa 60 milioni di euro, e rilanciare il brand della squadra più antica d’Italia. Appassionato di calcio e boxe, Hamoodi non è nuovo a chi segue il mondo della finanza italiana. Ex di Morgan Stanley, durante la crisi del Monte dei Paschi di Siena fece parte della cordata dei fondi internazionali che investirono in bond subordinati di Rocca Salimbeni per convertirli in azioni, in accordo con il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan e il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda.

Bybrook Capital ha fatto investimenti anche nel settore dell’aerospazio, salvando dal fallimento la Dema Aeronautics, azienda che si occupa di progettazione, industrializzazione e assemblaggio di strutture aeronautiche complesse. Con tre stabilimenti Italia, tra la Campania e la Puglia, 800 dipendenti e un fatturato di 40 milioni di euro (dati 2016), la Dema lavora con Leonardo-Finmeccanica, Bombardier e Pratt&Whitney Canada.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.