Gasperini: «Nel calcio, come nella vita, c’è sempre da imparare»

Il tecnico rossoblù, che ha incontrato Porzio allenatore del Recco, non si monta la testa: «Quando i tifosi per strada mi dicono grazie, mi emozionano e mi viene da rispondere perché cosa». Domani sarà  ospite di "Attenti a quei due" su Sky

16
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Ormai i peana per Gasperini si sprecano e non si contano più. A cominciare dagli addetti a lavori: a cominciare da Lippi. Sembra come il canto delle sirene che aveva messo a dura prova Ulisse: ma lui, non si monta la testa e continua a pensare come migliorare il gioco del suo genoa. «Nel calcio, come nella vita, c’è sempre da imparare» afferma soddisfatto. Ieri ha avuto un incontro interessante con Pino Porzio, il tecnico della Pro Recco campione di pallanuoto, e ha ricordato l’affetto dei tifosi. «Tanta manna, gli elogi – racconta Gasperson – e tutti autorevoli. Ma vogliamo parlare dei tifosi? Quando per strada mi dicono grazie, mi emozionano e mi viene da rispondere perché cosa. La loro felicità è la mia. A questa società e all’ambiente del Genoa tutto devo tanto. Negli anni ho imparato a vivere il presente e non proiettarmi nel futuro». Un’ultima battuta su un argomento che angustia i sostenitori rossoblù: «Se continuerò ad allenare qui? Io me lo auguro e spero di raggiungere la Champions League, o un posto per l’Europa, a cavallo di questi colori».

Domani il Gasp sarà ospite di ”Attenti a quei due”, il magazine di Sky Sport 1 dedicato alla Champions League e condotto da Gianluca Vialli & Paolo Rossi. Appuntamento domani alle 20.00 e alle 23.00 su Sky Sport 1.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.