Enrico Ruggeri racconta oggi su Radio 24 la storia di Gigi Meroni

E' l'argomento de "Il Falco e il Gabbiano" in onda dalle ore 15: si parlerà dell'indimenticato campione di Genoa e Torino

163
Gigi Meroni (tratto da Lo Sport Illustrato)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Gigi Meroni, indimenticato campione del Genoa e del Torino, sarà il protagonista della puntata odierna de “Il Falco e il Gabbiano” condotto da Enrico Ruggeri che andrà in onda sulle frequenze di Radio 24 dalle ore 15. Il celebre cantautore ricorderà i trascorsi del fantasista nel club più antico d’Italia, dove aveva espresso le sue grandi qualità.

Nelle prossime puntate, si parlerà di altre storie: quelle della sanguinaria omicida Rina Fort e degli indimenticati Stanlio e Ollio. Madame Bovary è invece la protagonista della puntata di Sulle Ali di Carta. Ecco il programma completo.

Oggi Enrico Ruggeri racconta la storia di Luigi Meroni, detto Gigi, il calciatore più rivoluzionario e anticonformista della storia del calcio italiano. Durante la sua breve carriera ha segnato poco e vinto ancora meno, ma è rimasto nel cuore degli appassionati. Uomo eclettico, lontano dalla immagine canonica del calciatore della sua epoca. Pittore di talento, anti-conformista, osteggiato e osannato, fino alla sua morte, a soli 24 anni, investito da un’auto a Torino.

Gigi Meroni
Gigi Meroni

“Sulle ali di carta”, domani allle ore 15, Enrico Ruggeri ci racconta la storia di una donna che, per sfuggire alla sua vita monotona, si è rifugiata nella fantasia. Fantasia che a poco, a poco ha preso, il sopravvento sulla realtà che la disgustava. È la storia di Emma Bovary, anzi, di Madame Bovary, una donna infelice, rinchiusa nella gabbia della quotidianità, nella quale non riesce ad adattarsi. E questo le provoca un disagio che a poco a poco la annienta. Vive solo di immagini gloriose, di riflessi luminosi che poco hanno a che fare con la luce diretta della vita. In questo modo finisce che per lei nulla ha valore, perché appena riesce a ottenere qualcosa, non coincide mai con l’idea che si era fatta. Una tecnica che non può che condannarla all’infelicità.

Giovedì con la puntata de Il Falco e il Gabbiano in onda alle 15.00 su Radio 24, Enrico Ruggeri ci porta indietro nel tempo, alla mattina del 30 novembre 1946. La mattina in cui Milano si sveglia con una notizia che fa gelare il sangue: una donna e tre bambini sono stati uccisi a colpi di spranga nella propria casa. Qualche settimana dopo, Rina Fort ammette di aver ucciso senza pietà Franca Pappalardo e i suoi tre figli di sette, cinque e 1 anno. Le vittime sono la moglie e i figli di Giuseppe Ricciardi, l’amante di Rina Fort: per lei queste persone sono gli ostacoli che non le permettono di vivere la vita che ha sempre sognato: di avere un marito, dei figli, una casa da curare dopo tanti anni passati a fare la domestica per le famiglie altolocate.

A chiudere la settimana, venerdì 15 dicembre è la storia di un giovane attore inglese che dopo aver lavorato nella stessa compagnia teatrale di Charlie Chaplin decide di trasferirsi negli Stati Uniti per tentare la fortuna nella regia. Ma il destino lo porta ancora una volta a recitare nelle comiche mute del cinema degli anni venti. È qui che incontra un corpulento attore specializzato nella parte del “cattivo” che però accanto a lui riesce a dar vita a scenette esilaranti. Tra i due si stabilisce un sodalizio artistico che cambierà la vita di entrambi facendoli diventare un’icona del cinema comico mondiale: Stan Laurel e Oliver Hardy, ovvero Stanlio e Ollio.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.