La Nazionale Under 17 batte l’Albania: buona prova di Pellegri

Esordio positivo nelle qualificazioni al Campionato Europeo di categoria

29
Pietro Pellegri (foto Genoa cfc)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Ottimo esordio della Nazionale Under 17 nella prima fase del Campionato Europeo allo stadio “Bruno Benelli” di Ravenna. Grazie ad un gol realizzato al 22’ della ripresa dall’attaccante dell’Inter Davide Merola, gli Azzurrini battono l’Albania (1-0), tra le favorite del gruppo 4, sotto gli occhi di Arrigo Sacchi, Maurizio Viscidi, Gigi Di Biagio, Mauro Sandreani e Gianni De Biasi presenti in tribuna. Partita impeccabile da parte della squadra azzurra, schierata inizialmente da Bigica con il 4-3-1-2: Ghidotti in porta, Bettella e Anzolin coppia difensiva centrale con Bellanova e Campeol esterni, a centrocampo Candela, Rizzo Pinna, Caligara, in attacco Merola-Pellegri supportati alle spalle da Biancu.

Partono subito all’attacco gli Azzurrini, che al 5’ sfiorano il palo con un tiro di controbalzo con il collo esterno di Biancu. Dopo sei minuti, all’11’, altra occasione con Campeol che calibra un perfetto cross sul secondo palo per Merola in ritardo alla deviazione. Ancora Merola, al 25’, ha l’opportunità di sbloccare il risultato, ma il portiere Sinani compie il miracolo sul colpo di testa dell’attaccante interista.

Vivace e caparbia, l’Under 17 di Bigica, superiore nel gioco e nel possesso palla, ma soprattutto capace di aspettare con saggezza il momento giusto per passare in vantaggio. Momento che arriva al 22’ della ripresa: Pellegri con un colpo di tacco lancia Visconti (subentrato al 38’ al posto di Biancu) sulla fascia, preciso quanto invitante il traversone sul secondo palo che Merola in scivolata con il destro spedisce in rete. E’ stato proprio l’inserimento del centrocampista dell’Inter Elia Visconti a cambiare il volto della gara, come spiega lo stesso tecnico azzurro Bigica: “Siamo partiti con un modulo che ci consentiva di giocare per vie centrali, ma abbiamo incontrato difficoltà a sbloccare il risultato contro un’Albania molto brava a chiudere tutti gli spazi. Ho inserito Visconti, le cui qualità mi avrebbero consentito di aprire il gioco sulle fasce e così è stato: proprio da un’azione di questo ragazzo è nato il gol che ci ha dato la vittoria”.

Risultato importante, che permette agli Azzurrini di preparare con serenità la prossima gara contro la Macedonia, battuta oggi dalla Serbia 3-1. “Ritengo che quella con l’Albania – ha dichiarato ancora Bigica – era forse la gara più difficile del nostro girone. Devo fare i complimenti a tutti i ragazzi perché sono stati bravi a far girare la palla e aspettare il momento opportuno per colpire”.

Tra tutti, un elogio particolare ad un giovane emergente, il centrocampista dell’Atalanta Andrea Rizzo Pinna: “E’ l’ultimo arrivato – conclude Bigica – ma si è fatto subito conoscere per le sue qualità. Si è dimostrato un giocatore importante per il nostro gioco, intelligente tatticamente; un ragazzo da seguire, con la testa che ha anche fuori dal campo ha buone possibilità di fare qualcosa di importante”.

Macedonia e Serbia sono le prossime avversarie, che l’Italia incontrerà rispettivamente venerdì 28 (ore 14.45 a Forlì) e lunedì 31 ottobre (ore 15 a Ravenna), gare che saranno trasmesse in diretta su RaiSport1.Si qualificheranno per l’Elite round le prime due classificate dei 13 gruppi e le 5 migliori terze, che si giocheranno poi l’accesso alle finali del torneo continentale in programma dal 3 al 19 maggio in Croazia.

Sito ufficiale Figc

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.