Posticipo: Milan e Juventus si dividono la posta

Finisce 1-1 tra rossoneri e bianconeri: questi ultimi sono sempre a sei punti dal Genoa. Se la squadra di Ancelotti perdesse a Udine sabato prossimo, l'Inter sarà  già  campione d'Italia

32
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Con un gol a testa nel secondo tempo di Seedorf (fischiato più volte dal pubblico di casa) e Iaquinta, Milan e Juventus si dividono la posta nell’incontro di cartello del turno della Serie A: partita poco spettacolare, caratterizzata da pochi spunti in attacco. I bianconeri sono sempre a sei punti dal Genoa, che è al quinto posto, e a tre dalla Fiorentina. Il risultato di stasera avvicina l’Inter al diciassettesimo scudetto. Infatti, alla squadra di Mourinho basterà vincere col Siena domenica sera in casa per festeggiare. Ma i nerazzurri potranno conquistare il tricolore senza giocare: se sabato sera il Milan perdesse a Udine sarà matematico.

 

MILAN-JUVENTUS 1-1

Milan (4-3-1-2): Kalac, Flamini, Maldini, Favalli, Zambrotta, Beckham (22′ st Pato), Pirlo, Ambrosini, Seedorf (43′ st Senderos), Kakà, Inzaghi (30′ st Ronaldinho ). (1 Dida, 18 Jankulovski, 8 Gattuso, 76 Shevchenko). All.: Ancelotti 

Juventus (4-4-2): Buffon, Grygera, Legrottaglie, Chiellini, De Ceglie (28′ st Zebina ), Camoranesi, Poulsen, Cristiano Zanetti, Marchionni, Amauri (30′ st Del Piero), Iaquinta (13 Manninger, 41 Airaudo, 30 Tiago, 20 Giovinco, 17 Trezeguet). All. Ranieri. Arbitro: Orsato di Schio. Reti: nel st 12′ Seedorf, 15′ Iaquinta. Recupero: 1′ e 4′. Angoli: 6-1 per il Milan

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.