Correva l’anno 2013: Borriello regala al Genoa di Ballardini una vittoria importante per la salvezza

Il centravanti segnò il gol dello 0-1 decisivo per i rossoblù

134
La gioia dei tifosi genoani dopo la vittoria del Genoa a Verona sul Chievo del 28 aprile 2013 (Foto Stefano Massa)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sabato 20 aprile 2013 nell’anticipo della XXXIII giornata il Genoa era stato fermato in casa sull’1-1 dall’Atalanta, restando in terzultima posizione, agganciato l’indomani a 29 punti dal Città di Palermo, ma con un solo punto di distacco dalla quota-salvezza, in virtù della sconfitta interna del Siena (che aveva una penalizzazione di 6 punti) nella partita contro il ChievoVerona. La partita al “Marc’Antonio Bentegodi” di domenica 28 aprile contro i clivensi assumeva, quindi, un’importanza decisiva per gli uomini di Davide «Balla» Ballardini sr..

Dopo un primo tempo in cui si era registrata solamente un’occasione da rete per parte (al 43’ i padroni di casa avevano impegnato in una deviazione a terra in tuffo sulla sua sinistra il portiere francese Sébastien «Saracinesca» Frey I con un tiro di piatto destro dai 22 metri effettuato dal romeno Adrian Marius Stoian e allo scadere gli ospiti non erano passati in vantaggio per una respinta di piede dell’estremo difensore Christian Puggioni su giravolta di sinistro di Emiliano «la birra» Moretti sugli sviluppi di un’azione di calcio d’angolo), il Genoa, che era andato negli spogliatoi, sapendo che i rosanero stavano conducendo per 1-0 (sarebbe stato poi il risultato finale) in casa l’incontro con l’Internazionale, cercò, spinto dal tifo di mezzo migliaio di sostenitori, sistemati in Curva Nord (all’epoca destinata ai tifosi della formazione ospite), verso la porta sottostante alla quale attaccava nella ripresa di trovare la fondamentale vittoria. Comunque, al 26’ Frey I fu pronto a smanacciare un tiro-cross dalla «tre quarti» di destra effettuato dal brasiliano Luciano Siqueira de Oliveira «Luciano» per la testa di Alberto «Giamburrasca» Paloschi, precedendone la deviazione «a botta sicura». Due minuti dopo Marco Rigoni batté dalla destra un calcio d’angolo, che si era caparbiamente conquistato, favorendo la deviazione in tuffo di testa di «Super» Marco Borriello I, che anticipò il franco-senegalese Boukary Dramé e fece rimbalzare imparabilmente il pallone nell’angolino sinistro della porta.

Marco Borriello segna il gol vittoria per il Genoa contro il Chievo Verona 28 Aprile 2013 (foto Dino Panato/Getty Images)
Marco Borriello segna il gol vittoria per il Genoa contro il Chievo Verona 28 Aprile 2013 (foto Dino Panato/Getty Images)

Minor fortuna ebbe, su calcio d’angolo battuto dalla sinistra, nell’altra area di rigore un colpo di testa di «Super» Marco Andreolli, che sfiorò il palo sinistro senza trovare la correzione in porta di Luca Rigoni I jr., giunto leggermente in ritardo. Passarono altri quattordici minuti prima che il triplice fischio finale del signor Danilo Doveri di Roma liberasse i tifosi rossoblù dall’ansia, che al 36’ Borriello I avrebbe potuto dissolvere se non avesse da distanza ravvicinata incredibilmente calciato fuori con un diagonale di destro un pallone sottratto da Rigoni a Dario «Daino» Dainelli.

Stefano Massa

(Membro del Comitato Ricerche e Storia del Museo della Storia del Genoa)

TABELLINO

Verona, domenica 28 aprile 2013, Stadio “Marc’Antonio Bentegodi”, ore 15,00

ChievoVerona-Genoa 0-1 [XXXIV giornata del Campionato di Serie A 2012/2013]

Arbitro: Doveri [Roma]

Spettatori: diecimila circa

Marcatore: 28’ del 2° tempo Borriello I

Chievo (5-3-2): 1 Puggioni; 3 Andreolli, 2 Dainelli, 33 Papp (dal 22’ del 2° T: 10 Luciano), 20 Sardo, 56 Hetemaj I; 16 L. Rigoni I jr. (dal 35’ del 2° T.: 27 Hauche), 14 Cofie, 93 Dramé; 39 Stoian (dal 22’ del 2° T.: 77 Théréau), 43 Paloschi. All.: Corini

Genoa: 1 Frey I; 5 Granqvist, 21 T. Manfredini, 24 E. Moretti; 87 E. Pisano (dal 12’ del 2° T.: 91 Bertolacci), 14 M. Rigoni, 27 Matuzalem, 13 L. Antonelli jr., 8 J. M. Vargas (dal 45’ del 2° T.: 28 Töszér); 83 Floro Flores (dal 23’ del 2° T.: 17 Immobile), 22 Borriello I. All.: Ballardini sr.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.