Correva l’anno 2010: Ballardini appena subentrato sconfisse al “Ferraris” il Bologna

Il tecnico romagnolo, che aveva sostituito Gasperini appena tre giorni prima, conquistò un'importante vittoria

76
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

[tps_title]Gli striscioni per Gasperini[/tps_title]

Al tecnico esonerato vennero dedicati quel giorno parecchi striscioni e stendardi: in Gradinata Nord GASPE, IL POPOLO GENOANO TI RINGRAZIA e CIAO, GIAMPIERO, GRAZIE PER I 4 ANNI DI SPETTACOLO VERO!; nei Distinti CI HAI RISCALDATO I CUORI PER 5 BELLISSIMI ANNI… GRAZIE!; in Gradinata Sud GASPERINI, UNO DI NOI! e PROMOZIONE, EUROPA E HAI DISTRUTTO LA SAMPDORIA, GRAZIE MISTER, SEI ENTRATO NELLA STORIA!.

Striscione di ringraziamento per Gasperini durante Genoa-Bologna il 10 novembre 2010 allo stadio Luigi Ferraris (Foto Massimo Cebrelli/Getty Images)
Striscione di ringraziamento per Gasperini durante Genoa-Bologna il 10 novembre 2010 allo stadio Luigi Ferraris (Foto Massimo Cebrelli/Getty Images)

Ballardini sr. decise di schierare la squadra con il 4-3-3, un modulo di gioco «speculare» a quello del tecnico dei felsinei Alberto «l’allenatore ultrà» Malesani. La partita fu «a senso unico» a favore dei padroni di casa, tanto è vero che il loro estremo difensore, il portoghese Eduardo «Jesus» dos Reis Carvalho, dovette solamente bloccare due colpi di testa degli uruguayani Miguel Ángel Britos Cabrera ed Henry Damián «Gimmy il fenomeno» Giménez Báez, rispettivamente al 16’ del 1° tempo e al 49’ della ripresa.

Il portiere del Genoa Eduardo durante Genoa-Bologna del 10 novembre 2010 al Ferraris (Foto Massimo Cebrelli/Getty Images)
Il portiere del Genoa Eduardo durante Genoa-Bologna del 10 novembre 2010 al Ferraris (Foto Massimo Cebrelli/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.