Correva l’anno 1965: il Genoa venne travolto da un “pokerissimo” viola

Pesante sconfitta del Grifone: ne fu protagonista Alberto Orlando

77
Da Pozzo
Mario Da Pozzo, portiere del Genoa dal 1961 al 1965 (Figurine Stef Campionato 1964/65 - Wikipedia)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Domenica 17 gennaio 1965 il Genoa subì una pesante sconfitta a Firenze (a livello di Campionato l’ottava consecutiva in un desolante panorama di soli due pareggi negli ultimi diciotto incontri disputati in casa dei viola, che concessero il «bis» della vittoria per 5-0 ottenuta a spese del Grifone due campionati prima) in una partita in cui recitò da protagonista il centravanti viola Alberto «il Garrincha di Torpignattara» Orlando, autore di una tripletta.

Dopo un’iniziale supremazia territoriale rossoblù, al 14’ del 1° tempo, servito dallo svedese Kurt «Uccellino» Hamrin, Orlando indirizzò il pallone nell’angolino più lontano, quello destro, della porta di Mario Da Pozzo; tre minuti dopo Orlando liberò davanti a Da Pozzo l’italo-argentino Juan Carlos «el Gaucho» Morrone, la cui conclusione venne ribattuta dal portiere degli ospiti e ribadita in rete con una gran botta di sinistro da Giovan Battista «Giobatta» Pirovano (Hamrin si trovava, però, in fuorigioco non rilevato dal signor Giorgio Genel di Trieste e dal segnalinee); al 43’ Orlando si conquistò un calcio di rigore per fallo di Franco «Tigre di Ronco» Rivara e lo trasformò piazzando il pallone, solamente toccato da Da Pozzo, con un gran tiro alla destra del portiere genoano; nella ripresa, al 10’, servito dall’altro italo-argentino Humberto Dionisio «el Bocha» Maschio Bonassi, Morrone dribblò Da Pozzo e depositò il pallone in rete e al 31’ Orlando girò al volo in porta un cross dal fondo che Enzo Robotti aveva effettuato al termine di una sua discesa. Il Genoa avrebbe concluso quel campionato con una vittoria casalinga per 4-1 nell’incontro di ritorno con i viola, che non gli risparmiò la quarta retrocessione in Serie B della sua storia.

Stefano Massa

(Membro del Comitato Ricerca e Storia del Museo della Storia del Genoa)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.