Correva l’anno 1965: De Rossi come Da Pozzo…e il Genoa ringrazia

Quanto accaduto domenica contro la Roma è simile, anche se con dinamiche diverse, a quanto accaduto 52 anni fa in una partita contro il Foggia

102
Elio Vanara, autore del gol in Genoa-Foggia 1-0 (foto Wikipedia)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Quanto avvenuto domenica scorsa in Genoa – Roma trova riscontro sia pure con dinamiche diverse in un lontano Genoa – Foggia, gara di serie A giocata al Ferraris il 28 febbraio 1965. Arbitro di quella delicata sfida salvezza era il bolognese Roversi uno fra i direttori di gara più quotati. Il Grifone di Roberto Lerici imboccò la strada giusta dopo appena 45 secondi, istante in cui il terzino Elio Vanara crossò una palla che terminò la sua corsa in fondo alla rete foggiana, sotto la Nord. Per circa un’ora di gioco la partita ruotò attorno a questo episodio; poca reazione pugliese e sicuro controllo da parte dei rossoblù che giocavano di rimessa.

Il fattaccio (clamoroso) avvenne a metà ripresa. Il portiere genoano Da Pozzo si apprestava a rimettere la palla in gioco, davanti a lui il foggiano Micheli lo disturbava vistosamente tanto che l’estremo difensore colto da “raptus” gli rifilò una gomitata, il tutto ovviamente in area Grifone. Esagerata la messa in scena del mediano del Foggia peraltro colpito. L’intervento arbitrale portò all’espulsione inevitabile di Da Pozzo e nient’altro. Dal momento che allora non erano ammesse sostituzioni, in porta del Genoa andò l’altro terzino Giancarlo Bagnasco. Forse l’arbitro Roversi non concedendo pure il penalty come da regolamento ritenne afflittiva la sola espulsione dell’estremo difensore e la conseguente precarietà venutasi a creare in campo rossoblù con un giocatore fra i pali ed in inferiorità numerica.

La partita cambiò improvvisamente tema tattico. Era il Foggia ora a cercar di creare occasioni da rete, calciando da ogni posizione. Per fortuna il Genoa riuscì a resistere; Bagnasco da parte sua, oltre a un paio di sicuri interventi corse pochi pericoli. La preziosa vittoria andò in porto. Negli spogliatoi subito esplose il tecnico del Foggia, il vulcanico Oronzo Pugliese. Se la prese ovviamente con la classe arbitrale rea di non applicare i regolamenti. Non aveva tutti i torti. Subito dopo si calmò, anzi, con estrema gentilezza invitò i giornalisti presenti a visitare la sua tenuta agricola a Turi in Puglia promettendo ospitalità e gustosi cibi locali. Era davvero un altro calcio. Soprattutto esisteva una diversa educazione.

Tabellino della partita

Genoa – Foggia 1-0 rete di Vanara al 1′ minuto

Genoa : Da Pozzo, Bagnasco, Vanara, Colombo, Bassi, Rivara, Dalmonte, Pantaleoni, Koelbl, Zigoni, Gilardoni D.T. Lerici

Foggia : Moschioni, Valadè, Micelli, Bettoni, Rinaldi, Micheli, Favalli, Lazzotti, Nocera, Maioli, Oltramari All. Pugliese

Arbitro: Roversi di Bologna

Marco Colla

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.