Velazquez: “Contento per i ragazzi, dimostrata qualità e personalità”

L'Udinese esce dalla crisi e dopo 4 sconfitte consecutive ritorna a fare punti. Soddisfatto il tecnico dei friulani, non solo per essere ritornato a fare punti, ma soprattutto per la reazione della squadra capace di rimontare due volte il Genoa.

107
Velazquez, tecnico dell'Udinese (Foto Udinese Blog)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sorride mister Velazquez, ne ha ben donde. Nonostante il Genoa fosse andato per ben due volte in vantaggio, l’Udinese non ha mai mollato ritornando così a fare punti dopo 4 sconfitte consecutive. “La squadra nel secondo tempo mi è piaciuto molto, avevamo molta più fame. Potevamo  anche vincerla. Era importante interrompere la striscia di risultati negativi, avevamo un calendario molto complicato. Siamo una squadra giovane, la fiducia cresce non solo con il gioco ma anche con i risultati. Per questo motivo sono felice per i ragazzi, siamo riusciti ad interrompere questa serie di sconfitte: sono felice, questa squadra, questa società, sono una famiglia. Nel primo tempo siamo stati poco aggressivi, nel secondo abbiamo tirato fuori la nostra personalità: complimenti ai ragazzi. Rodrigo-De Pau (ndr)l- non ha espresso ancora tutto il suo potenziale, rispetto all’anno scorso è cambiato molto ed è arrivato in nazionale, sono contento per lui. E un bravo ragazzo e un grande calciatore, può arrivare ad un livello altissimo.  Mi sono piaciute le parole di Juric prima della partita, ha detto che gli piaceva l’Udinese sottolineando il calendario duro. Il Genoa ha un grande allenatore, perché Juric è anche un grande uomo oltre a essere un grande allenatore. Ha una rosa importante, ha solidità e aggressività: per me possono fare una bella stagione.  Non ho un modulo fisso né una disposizione fissa dei calciatore, dipende da tanti fattori. Mi è piaciuto come abbiamo interpretato la partita, il modulo non è uno spazio fisso per i calciatori. Pussetto ha sempre fatto la punta, con noi fa più ruoli. Le mie scelte sono finalizzate al bene della squadra, ho tre portieri di livello e per me Musso è un portiere con qualità, ricordiamo che era alla sua prima assoluta in Italia, può arrivare ad essere il titolare dell’Argentina. L’importante è la mentalità collettiva, chiunque giochi ha il sostegno del compagno”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.