Diritto di riscatto in casa Genoa: chi è pronto a esercitarlo?

Arriva il Crotone in Coppa Italia e molti giocatori del Grifone sono sotto esame: da Centurion a Lamanna, da Gentiletti a Brlek

55
Il guizzo di Ricci contro Centurion (foto di Tanopress Genoa)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Costretto a rinunciare agli infortunati Pellegri e Galabinov, contro il Crotone Ballardini avrà a disposizione una sola prima punta. Si tratta di Gianluca Lapadula, attaccante che si è sbloccato contro la Roma calciando un rigore denso di rabbia e significato. Solo lui, l’inca, tra i disponibili con l’Hellas Verona dietro l’angolo. Verosimilmente il mister lo lascerà in panchina preferendogli Federico Ricci: troppo importante la gara del Bentegodi di lunedì sera. Ricardo Centurion unico giocatore sicuro della tanto bramata maglia da titolare. Il numero nove è l’unico dubbio del Genoa, il resto della formazione è fatto da giorni.

La partita di Coppa Italia di stasera non sarà per niente banale: il passaggio del turno avrà un significato pregnante per entrambe le squadre, invischiate nel vortice retrocessione. Da una parte il Genoa vorrà confermare, anche con i giocatori meno utilizzati, i segnali di ripresa visti in campionato, dall’altra Davide Nicola vorrà fare bella figura dinnanzi a un pubblico che non ha mai nascosto di amarlo. Esame per tutti, quindi. Su molti interpreti del Grifo saranno puntati gli occhi della critica, attenta soprattutto alla prestazione individuale.

Tutti hanno un buon motivo per non sbagliare la partita. Da Lamanna, che deve dimostrare di essere ancora l’ottimo numero dodici che fa le fortune del Grifo durante le sfortune di Perin, a Centurion, finalmente in campo dopo l’ostracismo della precedente gestione tecnica. E Brlek? Ballardini lo ha recuperato e per questo è dato tra i probabili titolari: i genoani e gli analisti non hanno ancora capito che tipo di centrocampista sia e quale possa essere la zona di campo ideale per esaltare le sue caratteristiche. Poi Migliore, arrivato in estate come vice Laxalt, e Santiago Gentiletti: l’avventura rossoblù del Chueco si è fermata a quel folle retropassaggio contro la Lazio, costato caro al Genoa. Se non ha motivazioni lui…

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.