Onofri: “Non riesco a commentare il Genoa, non demerita ma non raccoglie punti”

Claudio Onofri ha commentato a caldo la sconfitta di Torino. "Sconfitta in pieno stile Genoa: prendere due gol in due minuti è paradossale, essendo passati anche in vantaggio. Personalmente non avrei mai sostituito Piatek"

1873
Claudio Onofri (Foto Pianetagenoa1893.net)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Ai microfoni di Radio Nostalgia è intervenuto Claudio Onofri ex giocatore rossoblù e attualmente apprezzato opinionista televisivo. “Se togli Piatek diventa difficile recuperare. No, non avrei fatto questo cambio, Devi tenere in campo il bomber della squadra. E’ la stessa partita che ha contraddistinto le precedenti gestioni Juric, non è stata una gara pessima, ma alla fine il Genoa esce ancora una volta sconfitto. I movimenti di squadra determinato certe scelte, non è solo colpa di Romulo, la squadra si è mossa male nei primi 15′. Per me Romulo è una mezzala, non riesce più a orientarsi da esterno. Prendere 2 gol in 2′ è roba da Genoa: è l’identikit preciso del Genoa. Domenica è fondamentale, contro la Spal bisogna vincere assolutamente. Analizzare il Genoa ora è difficile, se valuti i risultati ti viene da scappate, ma se valuti le partite come prestazioni non sei deluso. Molto di quello che si è visto è dipeso dalla sostituzione di Piatek, con lui una volta preso coraggio potevi fare male al Torino. Non sono deluso perchè il Genoa ha lottato, ma rabbuiato: non si riesce a tradurre in punti quanto di buono si fa  in campo. Sandro è al 40%, al momento non può dare più di questo non ha i 90′ nelle gambe, non ha un passo adeguato. neanche Bessa ha disputato la sua miglior prestazione. Non ho visto un Torino così superiore al Genoa, almeno oggi. I tifosi del Toro secondo me non sono soddisfatti della prestazione, c’è anche merito del Genoa da questo punto di vista. Contro la Spal sarà una partita cruciale per il campionato del Grifone. S e guardi indietro vedi un Empoli in grande crescita con Iachini, anche il Frosinone non molla: bisogna stare attenti. credo sarà un’annata più difficile di quanto previsto”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.