Criscito: «Sconfitti ma senza rimpianti. Siamo una grande squadra»

Le parole del capitano, cecchino dagli undici metri. «La sconfitta brucia, ma abbiamo fatto una grande gara. Un rigore sotto la Nord è emozionante: alzi lo sguardo e vedi tutto rossoblù»

2008
Criscito
Mimmo Criscito (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Dal Paradiso all’Inferno in 4 minuti. Non è il titolo di un film ma la sintesi di Genoa-Atalanta. La dura legge del calcio spesso si fa rispettare, e passare dalla gioia alla disperazione in breve tempo non è così raro. Mimmo Criscito nel post gara ha analizzato il ko rocambolesco del Grifone. «La sconfitta brucia, ma siamo contenti perchè per la terza gara di fila abbiamo fatto una grande gara. Il gol di Zapata è il classico colpo del ampione, peccato per la sconfitta ma abbiamo la consapevolezza di aver fatto una grande gara: usciamo a testa alta dallo stadio. La Nord è fantastica, ci spinge sempre e nei momenti clou della partita ci dà una marcia in più. Siamo contenti di aver riportato entusiasmo allo stadio, l’anno scorso ci è mancato, dobbiamo continuare così. Cagliari e Brescia non sono partite facile, bisogna sempre dare il massimo. Da domani inizieremo a pensare alla trasferta di Cagliari. Meno gioco sulle fasce? L’Atalanta sulle corsie giocava uomo a uomo, c’era meno spazio. Oggi però abbiamo dato tutti l’anima, nessuno ha fatto male.  Quest’anno c’è spirito di gruppo, c’è la consapevolezza di essere una grande squadra. Abbiamo incontrato tre squadre forti in questo inizio di campionato, nessuno si aspettava 4 punti, potevamo averne 5 ma è andata così. Dobbiamo essere consapevoli della nostra forza e scendere in campo dando il massimo: i risultati arrivano. Oggi è mancato un pizzico di fortuna, ma questo è il calcio. Tirare un rigore sotto la Nord è sempre bello, perchè alzi lo sguardo e vedi tutto rossoblù. Sono andato sul dischetto concentratissimo ed ho pensato solo a calciare forte. Abbiamo giocatori duttili, capaci di fare più ruoli, può essere sicuramente un’arma in più. Non dobbiamo perdere entusiasmo, sappiamo che il Cagliari è una squadra difficile, domani ci vedremo a Pegli e prepareremo al meglio questa partita».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.