Criscito: «Discussione nata dalla rabbia per la sconfitta. Non parlo di tattica, sono un calciatore»

Parola di capitano. Mimmo Criscito al termine di Udinese-Genoa sprona la squadra. «Mai più prestazioni del genere, siamo il Genoa. Le discussioni nello spogliatoio sono scaturite dalla rabbia per il risultato».

5067
Criscito
Mimmo Criscito (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La versione del capitano. Mimmo Criscito ci mette la faccia dopo una prestazione pessima del Grifone. Una sconfitta amara, inaspettata, soprattutto perchè l’Udinese di Tudor era una squadra in difficoltà, mentre il Genoa era reduce da una vittoria netta contro la capolista Juventus. Criscito ai microfoni di Radio Nostalgia ha suonato la carica, quasi a voler rimettere in riga la truppa rossoblù. «Discussione nello spogliatoio? Eravamo tutti arrabbiati, ma non è successo nulla di grave.Quando si perde con una prestazione così, la colpa è di tutti, dal magazziniere al capitano. Spero non ci siano più prestazioni del genere. Contro la Juve è facile trovare motivazioni, è difficile contro le piccole, ma proprio in queste gare bisogna fare il salto di qualità. Quando vai sotto dopo 3 minuti è difficile rimettere in piedi la partita. Quando si abbassa  la soglia della concentrazione rischi di perdere contro chiunque, non si può regalare nulla agli avversari, altrimenti vieni punito. Abbiamo perso concedendo due contropiedi. Oggi ci è andato tutto storto, Mandragora ha fatto un grandissimo gol, se ci riprova altre mille volte non ci riesce, un po’ come io l’ho fatto contro la Lazio, sono episodi. Sappiamo che a Genova quando si vince siamo da Champions quando perdiamo da retrocessione, è una piazza importante e che pretende tanto, è normale ci siano critiche dopo partite così. La classifica è buona, ciò che conta è non  ripetere partite del genere. Eravamo molli,  non arrivavamo mai sulle seconde palle, loro vincevano tutti i contrasti, avevano un’altra cattiveria rispetto a noi. Non sono preoccupato, è stata una giornata storta,  fa male perchè queste non sono prestazione da Genoa. Andare sotto dopo 3 minuti ti complica la vita maledettamente, sembrava essere tornati indietro di qualche partita quando si faticava sotto porta. Contro l ‘Inter non ci sarò, ero diffidato, mi dispiace ma aiuterò la squadra in settimana. Contro le grandi facciamo sempre bene, speriamo di regalare un’altra gioia ai nostri tifosi. Il 4-4-1-1? L’allenatore lo farò tra qualche anno, ora sono ancora un giocatore».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.