Bertolacci : “Questa è la vittoria del gruppo, ora torniamo a vincere in casa”

Andrea Bertolacci ha commentato la vittoria ottenuta a Crotone ai microfoni di Radio Nostalgia

52
Bertolacci sfugge a Barberis (Foto Maurizio Lagana/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Con Ballardini sembra essere tornato anche il vero Bertolacci, almeno nei 90 minuti di Crotone è stato così. Il leader tecnico designato da Ballardini alla vigilia dello sfida dello “Scida” ha risposto presente, sfoderando una prestazione di ottimo livello dopo troppi mesi vissuti nell’ombra. «Oggi abbiamo messo un pizzico di determinazione, di cattiveria e di serenità in più che ci serviva. Oggi abbiamo dimostrato di essere squadra.  Ho avuto la fortuna di incontrare Ballardini che mi conosce bene, mi ha responsabilizzato tanto, il mio obiettivo è emergere soprattutto nei momenti difficili per aiutare la squadra. Con  questo modulo il lavoro delle mezzali è questo: difendere e inserirsi tra le linee, oggi avevamo tanta qualità in avanti. Siamo una squadra forte, per la classifica che avevamo qualcosa evidentemente non andava, dobbiamo continuare così e tirarci quanto prima fuori dai bassifondi della classifica. Non ho visto tante squadre vincere a Crotone, questa vittoria ci dà fiducia, se ci aiutiamo e siamo squadra siamo forti. Quando crei tanto e non fai gol è normale che su una palla inattiva o una palla sporca si può subire la beffa, ci portiamo a casa questo risultato importante sapendo di dover essere più cinici. Sulla carta la Roma è favorita, lotta per vincere il campionato, se giochiamo così possiamo metterli in difficoltà, poi sono gli episodi e fare la partita.  Ero abituato a vincere sempre a “Marassi” e soffrire fuori, proveremo a far gioire i nostri tifosi. Questa squadra non si discute per la qualità, ma per aver solo 6 punti in classifica prima di oggi, evidentemente c’era qualcosa che non andava. Il mister ha lavorato molto sulla testa. Quando siamo andati in Europa ci aiutavamo uno con l’altro, e per esperienza dico che il gruppo è troppo importante».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.