Riccardo Chifari: «Perché non si parla mai dei bilanci in rosso della Roma e di altre squadre?»

 Da Riccardo chifari (email: riccardo.chifari@email.it) Gentile Direttore. Spero di non tediarla oltre. Approfitto della sua cordialità per sottoporle un altro quesito.Leggo che la Roma starebbe per assicurarsi Guberti, giocatore che nel Genoa di Gasperini farebbe sfracelli.Domanda:come può una società indebitata fino al collo,che quest’anno non avrà neanche i proventi della Champions,fare mercato in entrata?Perché il […]

37
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

 Da Riccardo chifari (email: riccardo.chifari@email.it)

Gentile Direttore. Spero di non tediarla oltre. Approfitto della sua cordialità per sottoporle un altro quesito.Leggo che la Roma starebbe per assicurarsi Guberti, giocatore che nel Genoa di Gasperini farebbe sfracelli.Domanda:come può una società indebitata fino al collo,che quest’anno non avrà neanche i proventi della Champions,fare mercato in entrata?Perché il Genoa sarà costretto a cedere per comprare, mentre altre società se ne “fottono” bellamente dei bilanci? Lei che è molto attento a questi aspetti del calcio può illuminarmi? grazie per l’attenzione.

Caro Riccardo,

lei non mi tedia affatto e la ringrazio per questo suo quesito. Secondo le comunicazioni sullo stato debitorio imoste da Consob la Roma sta finendo di pagare stipendi e altre somme arretrate grazie ai proventi Champions. Ha anche ottenuto altre due rateizzazioni da Equitalia. A ciò bisogna aggiungere anche la mancanza delle somme dalla massima competizione continentale: la Coppa Uefa dà meno soldi. Probabilmente la Roma potrebbe avere ulteriori problemi da questa situazione: trovare risorse al difuori di coppe e diritti tv è impresa ardua. Bisogna sottolineare che si parla anche di mercato in uscita: Mexes sembra uno dei nomi illustri candidato a lasciare la Capitale. La situazione è molto fluida e bisognerà vedere se i Sensi venderanno a un azionista che possa ripianare subito i debiti (soprattutto fiscali) e rafforzare patrimonialmente la società. Quanto al Genoa, non è detto che debba vendere per fare cassa: in caso di bisogno c’è sempre l’azionista Preziosi a supplire alle esigenze societarie, come ha fatto finora. Il fatto che molte società si indebitino è un problema che esploderà prima o poi con grande forza: occorrerebbe che la Lega Calcio e la Figc chiudano le maglie troppo larghe delle iscrizioni. Molti tifosi fanno gli scongiuri e si auspicano che la loro società non fallisca mai. Dimenticano che, in caso di fallimento, grazie al Lodo Petrucci, si parte dalla serie inferiore con zero debiti: ciò può rendere decisamente più interessante l’acquisto da parte di un proprietario che voglia davvero investire nel calcio.

Un saluto rossoblù

ML

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.