Lettera/Paolo Guidetti: “In base alle proiezioni della dirigenza, il Genoa quando uscirà dal “rosso”?”

Il nostro lettore formula al dg Perinetti alcune domande, tra cui la realizzazione del centro sportivo e sulla cessione di Piatek

2509
Bandiere nella Nord (Marco Luzzani/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Gentile Sig. Perinetti,

ci risiamo, dopo le parole del binomio PP (Perinetti-Preziosi) a indifendibile difesa dell’ultime “campagna smantellamento semestrale”, è di martedì la sua dichiarazione sui conti del Genoa che migliorano, sul centro sportivo che si farà, sulla cessione di Piantek come evento non programmato e persino sull’Europa League! Ora, è vero che i tifosi del Genoa sono dei mugugnoni (semmu zeneizi, è un diritto) e che per contro siamo anche di facili entusiasmi (ci basta poco per esaltarci…d’altronde bisogna far buon viso alla cattiva sorte di avere questa presidenza e società), ma non siamo proprio dei polli. Quindi smetta cortesemente di far dichiarazioni (parole al vento a cui non crede nessuno) e se proprio vuole parlare, come le persone serie (me vegne da rìe..) accosti ai risultati di cui parla dei fatti concreti, dei numeri e degli obiettivi precisi. Prima affermazione: i conti migliorano (se continuate a fare acquisti alla Sturaro sarà complicato…). Benissimo, quindi secondo le vostre proiezioni in che anno dovremmo uscire dal ‘rosso’? Perché alla Pinocchio (guarda caso anche lui inizia con la P, proprio come il binomio PP) sono anni e anni che i conti migliorano, ma continuiamo a venderci anche i raccattapalle. Il centro sportivo fu promesso quando non avevo i capelli bianchi e per ora nulla è cambiato, se non il degrado del centro attuale ad opera del tempo che passa. La cessione di Piatek come un temporale inatteso? Si direbbe (belin!) che al Genoa piove sempre allora, perché quando un giocatore si dimostra decente non dura sei mesi da noi! E comunque bella programmazione eh?! Parlare di Europa League è davvero prenderci come dei ‘bibin’, dei tacchini. Saremo pure di facili entusiasmi, ma non tenti di passare per la fata Turchina…piuttosto state attenti, caro binomio PP, ache non vi cresca il naso! Se proprio vuole parlare, leghi le sue affermazioni a degli obiettivi concreti, quantificabili e magari al suo stipendio. Affermi o anzi lo metta nel suo contratto, come si fa nelle aziende serie (me vegne da cianse): SE in un anno i conti non sono a posto ALLORA prenderò metà dello stipendio pattuito….se alla fine dell’anno non siamo decimi in classifica ALLORA rinuncerò allo stipendio…SE in due anni non andiamo in Europa League ALLORA il Legale Rappresentante del Genoa cederà la società, non prenderà un euro…e così via. Così, prima di parlerà, ci penserà due volte e al limite miglioriamo i conti del Genoa risparmiando sul suo stipendio. Di parole al vento, che peraltro sono ‘a gratis’ nel caso del binomio PP, ne abbiamo sentite così tante che francamente aggungere altro è ormai piuttosto irritante.

Saluti a tutti i genoani e grazie per tutte le email ricevute in occasione della lettera precedente.

Paolo Guidetti

paoguide@libero.it

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.