La lettera di un tifoso genoano ai bergamaschi: “Date un po’ di tempo al Gasp e vi divertirete”

"Il rovescio della medaglia è spesso la sofferenza" spiega Domenico in una missiva spedita a Bergamonews.it

38
Gian Piero Gasperini, Atalanta (gettyimages)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Riprendiamo, per gentile concessione dei colleghi di Bergamonews.it, questa lettera firmata da Domenico, tifoso genoano, riguardante il periodo non facile attraversato da Gian Piero Gasperini all’Atalanta.

Gentile Redazione,
chi scrive è un genoano 70enne, che tifa Genoa da più di 60. E allora, vi chiederete, che c’entra con l’Atalanta un genoano? C’entra eccome, perchè lì c’è Gasperini. Vi sembrerà assurdo, ma da quando è venuto da voi, la domenica mi tocca soffrire due volte: una per il Genoa e l’altra per l’Atalanta.
Come per tanti altri genoani, l’addio del Gasp è stato motivo di sofferenza, pur con tutta la stima e la simpatia per Juric che fa davvero bene il proprio mestiere, ma il Gasp era per me una certezza: quella che avrei patito, la domenica, inenarrabili sofferenze, spesso, però, ripagate da soddisfazioni immense. Qualcuno ha scritto che è un maestro di calcio e credo sia vero: pochi come il Gasp riescono a costruire due squadre nell’arco di pochi mesi, come è capitato al Genoa lo scorso campionato o a fare giocare bene calciatori che erano dati per finiti. Senza andare indietro ai tempi di Thiago Motta, basta guardare agli ultimi due campionati e citare due nomi: Niang e Suso. Al Milan forse non andavano neppure in panca, ora sono titolari fissi nella squadra di Montella, e non è poco: per loro, per la squadra e per la società.
Dategli un poco di tempo e sono certo che anche voi vi divertirete, a me non capitava dai tempi di Bagnoli, del Genoa del quarto posto e della vittoria a Liverpool, prima squadra italiana.
Certo, il rovescio della medaglia è spesso la sofferenza.
Chiudo raccontandovi a riguardo questo episodio. Campionato 2015/2016: Genoa contro Torino al Ferraris. Dopo nemmeno un quarto d’ora, il grifone era sotto di due gol (doppietta di Immobile). Ero sul punto di tornare a casa, ma ho resistito e non so se ho fatto bene, perché il Genoa ha vinto 4-2, ma io sono stato colto da una colica con dolori addominali da non stare in piedi dovuta alla tensione accumulata durante la partita.
Portate pazienza e buona fortuna a Voi, al Gasp, all’Atalanta e, ovviamente, anche al Genoa.

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.