Sabatini: “Vittoria importante contro una grande squadra”

"In questo periodo i ragazzi hanno dimostrato di voler fortemente uscire da quel momento che ci ha portati ad una serie di risultati negativi molto frustranti per tutti, ma gara dopo gara stanno crescendo e rimettendo in mostra tutte le loro qualità" ha continuato il tecnico della Primavera rossoblù

49
Carlo Sabatini tecnico del Genoa Primavera (Foto Genoa cfc Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Non ha più intenzione di fermarsi la Primavera del Genoa guidata da mister Sabatini. Dopo Juventus, Lazio e Sassuolo è costretta a soccombere sotto i colpi dei rossoblù anche il Milan di Lupi. Il trauma della trasferta capitolina che vide i grifoncini battuti con il risultato di 5-0 contro i giallorossi ha fatto scattare un senso di revanche dentro di loro che li ha portati ad essere molto più compatti dietro e micidiali davanti con il trio d’attacco Micovschi-Zanimacchia-Salcedo e a conquistare tredici punti in cinque partite. Oggi al Gambino di Arenzano si è assistito ad una sfida ricca di emozioni, con livelli alti fin dai primi minuti. I rossoneri partono forse con più fame di punti, ma ad avere la meglio sono i padroni di casa che trovano il gol prima con Zanimacchia e poi con Salcedo su assist di Karic. La ripresa comincia con gli stessi ritmi dei primi 45′ di gioco, con un Genoa non ancora sazio che, nonostante lo spreco di clamorose palle gol, sfrutta gli ottimi palloni serviti da Micovschi e trova le reti del 3-0 e del 4-0. A rovinare un’ottima prestazione di tutta la squadra, però, è la dormita nel finale del settore difensivo che permette al neo-entrato Tsadjout di segnare l’unico gol rossonero. Al termine della sfida i microfoni di Pianetagenoa1893.net hanno raggiunto il tecnico Carlo Sabatini. Ecco le sue dichiarazioni.

 

Continua la vostra striscia di risultati positivi e, dopo Juventus e Lazio, capitola anche il Milan. 

 

“Sono partite molto stimolanti già di per sé quando affronti questo tipo di avversario con questi nomi e quando parliamo di Juventus, Milan, Lazio, che è stata sempre ai vertici delle classifiche Primavera, i ragazzi sono stimolati ulteriormente. In questo periodo hanno dimostrato di voler fortemente uscire da quel momento che ci ha portati ad una serie di risultati negativi molto frustranti per tutti, ma soprattutto, aldilà della classifica, molto importante in questo campionato, i ragazzi quando attraversano queste crisi non crescono dal punto di vista della prestazione ed era quello l’aspetto più grave, tendevano a deprimersi. Adesso invece, gara dopo gara, stanno crescendo e rimettendo in mostra tutte le loro qualità”

 

Grande prestazione quella di Zanimacchia e Salcedo, autori delle due doppiette che hanno abbattuto il Milan

 

“Aggiungerei anche Micovschi che ha fornito degli assist, ma è stata una grande prestazione di tutta la squadra, perchè il lavoro maggiore lo fa la squadra nel suo insieme nell’essere compatta, recuperare palla e innescare queste ripartenze micidiali che questi giocatori hanno nelle loro corde. In questo momento riusciamo a sfruttare al meglio le caratteristiche dei nostri giocatori avanzati”

 

Peccato per la dormita nel finale che ha concesso il gol al Milan e rovinato quella che poteva essere una gara quasi perfetta

 

“La nostra è stata una prestazione importante. Perfetta no perchè abbiamo concesso qualche situazione pericolosa di troppo, ma d’altronde abbiamo giocato contro una squadra forte con ottimi giocatori e non si può pensare di non concedere niente. Il gol nel finale c’ha fatto arrabbiare perchè non eravamo concentrati. Ho spiegato ai ragazzi che la concentrazione è fondamentale e bisogna avere umiltà nell’affrontare questa come tutti gli altri tipi di gara. Se si mantiene elevato il livello di concentrazione e di umiltà probabilmente quel gol non lo avremmo preso”

 

Una buona reazione da parte della sua difesa che dopo la gara con la Roma ha subito solo tre gol in cinque partite

 

“Assolutamente, perchè poi non prendere gol è fondamentale. Noi in qualche maniera riusciamo sempre a trovare il gol proprio per l’incisività dei nostri attaccanti e del gioco di squadra. La difesa si è assestata anche con il recupero di qualche giocatore e ripeto: grazie alla grande compattezza della squadra, quando ci difendiamo, ci difendiamo in dieci, compresi gli attaccanti che sono sempre pronti a ripartire e di questo ne trae giovamento tutta la fase difensiva. In effetti siamo migliorati molto su questo aspetto, ma deve essere così. Basta guadare partite di alto livello per vedere che tutti partecipano alla fase difensiva. Dobbiamo prendere spunto dai giocatori più importanti proprio per il nostro percorso di crescita”

 

Sbravati ha recentemente rilasciato un’intervista in cui ha affermato come il campionato Primavera sia il più complicato del calcio italiano.

 

“Questo campionato è composto completamente da squadre di Serie A che investono e questo ha reso il campionato veramente competitivo. Lo vediamo tutte le domeniche con dei risultati eclatanti che non ti aspetti. Nessuna vuole retrocedere e tutti lottano per conquistare l’accesso ai play off. Questa è un’ambizione legittima che non fa altro che accrescere la qualità del campionato”

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.