Sabatini: “Oggi ho visto molte cose positive, ma permane il momento di difficoltà”

"Micovschi? Una prestazione maiuscola, ma ha fatto anche l'errore di farsi espellere e non deve succedere, perchè ha lasciato la squadra in dieci in una situazione complicata. Che il rosso gli serva da lezione" ha continuato il tecnico della Primavera rossoblù

33
Carlo Sabatini incita i suoi ragazzi in Sampdoria-Genoa 1-2 coppa italia primavera (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Partita non adatta ai deboli di cuore quella che poco fa si è conclusa al centro sportivo di Arenzano tra Genoa ed Hellas Verona. Le due compagini al termine dei novanta minuti di gioco si portano a casa un punto a testa dopo aver concluso la gara con il risultato di 4-4. Non si può dire soddisfatto però il tecnico della Primavera genoana Sabatini, deluso, nonostante i suoi ragazzi siano riusciti a riaprire una gara che sembrava ormai chiusa (1-3 all’intervallo), dalla prestazione della sua difesa, rea di aver regalato alla formazione scaligera troppe occasioni da gol e dalla prestazione di Claudiu Micovschi che, da salvatore della squadra con la sua tripletta, ha rischiato di diventarne il boia facendosi espellere poco prima del triplice fischio. Al termine della partita il Sabatini è stato raggiunto dai microfoni di Pianetagenoa1893.net. Ecco le sue parole.

“È difficile fare una valutazione perchè siamo sicuramente in difficoltà anche dal punto di vista mentale. Vedi gli errori abbastanza clamorosi dei portieri, ma non bisogna dar loro responsabilità eccessiva. È un momento così. Siamo un pochino in apprensione e non deve accadere. Si parla di una formazione giovanile, c’è una notevole importanza del risultato, però è importante anche la crescita e gli errori ne fanno parte anche se ultimamente ne stiamo facendo un po’ troppi. Prendiamo troppi gol in situazioni banali, con molti demeriti nostri e pochi meriti degli avversari. Per contro c’è uno spirito di squadra notevole e una voglia di reagire alle difficoltà. Ben tre volte abbiamo reagito e fatto buonissime cose, ma rischia di essere tutto vanificato dai troppi errori e dall’eccessivo nervosismo. Arriva bene la pausa, ci tranquillizziamo e recuperiamo giocatori e alla ripresa saremo più attenti, competitivi e rilassati”

 

Un ottimo moto d’orgoglio quello che ha spinto i suoi ragazzi a recuperare una gara che sembrava ormai persa

 

“Ci sono state molte cose positive, ma permane il momento di difficoltà anche se la volontà di superarlo da parte dei ragazzi c’è, devo dargliene atto. C’hanno creduto e l’hanno voluto a tutti i costi, quindi sicuramente sono cose positive, però ci sono ancora molti aspetti negativi che, adesso che viene la sosta, avremo tempo per affrontare con più calma in modo da essere pronti per la difficile partita di Roma”

 

Rosso a parte bisogna sottolineare l’ottima prestazione di Micovschi, capace di prendersi la squadra sulle spalle e riaprire la gara con la sua tripletta

 

“Assolutamente, come sta facendo spesso, ma ha fatto anche quell’errore di farsi espellere e non deve succedere, perchè ha lasciato la squadra in dieci in una situazione complicata. Già avevamo sulle gambe la partita di Coppa, quindi le energie cominciavano ad essere poche. Che gli serva da lezione, perchè probabilmente alla squalifica dell’arbitro aggiungerò una giornata. Deve imparare. Sotto il piano della sua prestazione è stata una prestazione maiuscola. Nel secondo tempo quando siamo passati al 4-3-3 si è espresso ancora meglio, perchè non deve fare anche la fase di copertura e quindi esprime tutto il suo notevole potenziale offensivo. Ha avuto carisma e ha giocato da capitano vero, quindi sotto questo aspetto c’è da fargli i complimenti ma allo stesso tempo da tirargli le orecchie”

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.