Perinetti: “Abbiamo respinto le offerte del Napoli e di altri club per Piatek”

Il direttore generale del Genoa ha spiegato a Radio Crc: "Non era il momento. Il discorso si riaprirà a giugno? Ci penseremo più avanti"

789
Piatek
Kris Piatek (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Abbiamo rispedito tutte le offerte al mittente per Piatek, anche quella del Napoli, non era il momento. Il discorso si riaprirà a giugno? Ci penseremo più avanti». Il direttore generale del Genoa, Giorgio Perinetti, ha ammesso ai microfoni di Radio Crc il grande e concreto interesse verso l’attaccante polacco da parte della società azzurra e di altri club. Sabato prossimo, Piatek affronterà proprio il Napoli al Ferraris: gli azzurri lo temono, anche se capocannoniere della serie A non segna da quattro partite, da quando c’è Juric alla guida del Grifone. “A Napoli hanno paura – prosegue Perinetti – qui al Genoa speriamo che segni. Credo che sia in un momento di forma e che cresca ad ogni allenamento”.

Il dg ha parlato anche dei prossimo avversari: “Per quel che riguarda la partita, la squadra di Sarri era un godimento da guardare, quello di Ancelotti è uno scoglio. Il Napoli ha una grande mentalità. Con Sarri c’erano dei cali, con Ancelotti questo non avviene, ma noi abbiamo delle armi e proveremo a far male”. Secondo Perinetti il Napoli “contro di noi probabilmente farà un turn over, ma saranno tutti quanti motivati e sarà dura. Io credo che quando si gioca contro queste grandi squadre, bisogna pensare sempre a se stessi. Sono sicuro che la squadra farà una gara importante”.

Dopo la debacle contro l’Inter, il futuro di Juric sembra denso di nubi. “In bilico? Si criticava Ancelotti dopo due partite di campionato. È in un momento difficile con un calendario difficile, ma la squadra ha fatto bene. Con la Juventus c’è stata una grande prestazione. Ha altri concetti di gioco rispetto a Ballardini. Adesso ci sarà la sosta e avrà anche la possibilità di verificare la condizione atletica” conclude il dirigente rossoblù.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.