Pastorello: “Pepito è rientrato in gruppo. Ha voglia di aiutare la squadra”

A Gradinata Nord è intervenuto Andrea Pastorello, procuratore di Giuseppe Rossi. " Dal punto di vista tecnico è fenomenale. Secondo me va impiegato vicino all'area di rigore: è la posizione che maggiormente esalta le sue caratteristiche".

82
Pepito Rossi
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sta per tornare Giuseppe Rossi, notizia migliore per i tifosi del Genoa non poteva esserci. Ad annunciarlo è stato il procuratore di “Pepito” Andrea Pastorello , intervenendo   in collegamento telefonico  con la trasmissione di Primocanale Gradinata Nord. Di seguito  le dichiarazioni del noto procuratore. «Giuseppe è rientrato in gruppo, domenica sarà a disposizione. I risultati positiva della squadra aiutano,  ci sono meno pressioni  e  quando si gioca con la mente sgombra diventa tutto più semplice, a maggior ragione per un calciatore che deve rientrare.  L’arrivo di Giuseppe al Genoa ha radici profonde. A dire la verità con Preziosi ci sono rapporti di lunga data, lo aveva cercato già due anni fa. Quando Giuseppe è rientrato dall’infortunio ho parlato con il presidente, lui conveniva con me che meritava una chance.  Fino a fine stagione Rossi sarà un giocatore del Genoa. La società ci ha chiesto un’opzione per il prossimo anno ed è a discrezione  solo ed unicamente del Genoa: noi abbiamo accettato. Giuseppe era arrabbiato più che provato per l’ennesimo stop, anche se di entità diversa. Io lo sento sempre molto carico ed ha  molta voglia di giocare. Lui è nato per giocare, ha una qualità cristallina.  Il suo obiettivo è tornare in campo e fare ciò che gli riesce meglio: giocare a calcio. Ha molta voglia di aiutare la squadra, in un momento meno difficile di qualche settimana fa, ma la strada da fare è lunga e spero possa  dare il suo contributo. Tecnicamente è davvero fortissimo, Giuseppe dà il meglio di se da seconda punta, ha bisogno di una spalla di un certo tipo vicino. Nel Villareal giocava con Nilmar, un calciatore simile a lui: molto veloce e fisicamente non prestare, lui si adatta. Deve giocare tra le linee a ridosso dell’area, perchè li sa davvero fare male: può gare gol, assist, procurarsi rigori. Va lasciato libero al limite dell’area di rigore, è li che Giuseppe può dare il meglio di se».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.