Pandev: “Spero di concludere la mia carriera nel Genoa”

L'attaccante esprime anche un altro desiderio: "Mi piacerebbe restare a vivere a Genova, quando chiuderò la carriera"

894
Pandev Gunter
Pandev contro Günter (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Mi piacerebbe restare a vivere a Genova, quando chiuderò la carriera. Mi piacerebbe farlo nel Genoa, quando arriverà il giorno”. Goran Pandev esprime al sito ufficiale rossoblù un bellissimo desiderio: concludere la sua gloriosa carriera con il club più antico d’Italia, con cui giocherà per il quarto anno. “Il primo fu difficile”, ha spiegato. “Venivo da un stagione complicata al Galatasaray, da problemi fisici. Con il lavoro sono riuscito a dimostrare, avevo il cruccio di ringraziare il presidente e tifosi così speciali, di essere ancora il Goran che tutti ricordavano. Io lo spero”. E prosegue: “La vita è strana. Dopo essere stato fuori rosa in una squadra, aver provato amarezza, la stagione dopo rientrai all’Inter e vinsi il triplete. L’Italia è la mia seconda patria. Macedoni e italiani, in fondo, sono simili nel modo di pensare. Per questo mi sono integrato bene, dopo essermi messo in mostra al Torneo di Viareggio. Ancora meglio quando arrivò mia moglie, ormai siamo insieme da sedici anni”.

Il giocatore parla dei suoi momenti vissuti col Grifone: “Con gli  anni impari a dare un valore diverso alle cose. A Brunico divido la camera con Spolli. Settant’anni in due: andiamo a dormire presto, non siamo più giovincelli… Parliamo, caffè, giornali, internet. La routine di una mezza giornata libera scorre così”. E poi? “Poi c’è il campo. I sacrifici che si fanno. Lo spirito di gruppo. Le cene coi compagni e investire sulla qualità dei rapporti. Serve eccome in previsione di un’annata che sarà lunga e impegnativa. Ci teniamo a fare bene. Ieri è stato per me un giorno importante. Quello del compleanno. Il 7 settembre lo sarà per il Genoa, e sarà un giorno di festa. I 125 anni del club più antico in Italia. Io, i miei bambini, mia moglie. Siamo tutti entusiasti di poter vivere un evento così”. Pandev conclude con un auspicio: “Vincere qualcosa con il Grifone, anche se non è facile, avrebbe un sapore speciale. Per me e per tutti”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.