Onofri: “Scoglio era un allenatore vero”

"Fu una grandissima sorpresa quando lo vidi allenare sul campo e i giocatori che rispondevano con i fatti a quello che avevano preparato durante la settimana" ha continuato la bandiera rossoblù

89
Claudio Onofri (Foto Pianetagenoa1893.net)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Solito appuntamento questa sera con We Are Genoa su Telenord, il programma condotto da Pinuccio Brenzini su tutto il mondo rossoblù. Tra i molti temi trattati, si è parlato del “Professore” Scoglio: uomo che ha fatto della genoanità una vera e propria fede. Ecco come lo ha ricordato Claudio Onofri:

 

“Oggi ho sentiti tante interviste vecchie in cui parlava alla sua maniera e io ai tempi, ero già responsabile del settore giovanile, l’avevo conosciuto in quel modo e mi ero fatto l’idea che fosse uno che sapesse parlare. Poi ho avuto la fortuna di stare insieme a lui e ho capito che era un allenatore vero.  Il suo personaggio era addirittura sconveniente alla sua guida che depistava l’analisi più concreta: era un allenatore o uno che parla e imbonisce i popolo rossoblù? Tutte le cose che preparavamo si riportavano anche in campo e la squadra si salvò anche grazie a queste giocate. Ripeto: era un grande allenatore, il suo era un gioco innovativo. Lo dico col cuore, anche se aveva anche lui i suoi difetti. Fu una grandissima sorpresa quando lo vidi allenare sul campo e i giocatori che rispondevano con i fatti a quello che avevano preparato durante la settimana. Il suo personaggio l’ha danneggiato, pensavo che fosse un privilegio, ma no, essere quel tipo di personaggio gli ha tolto qualcosa nelle altre piazze, perchè quando non è riuscito dalle altre parti ad entrare nel cuore delle persone, allora contano solo i risultati. Qui ha avuto dei meriti molto importanti”

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.