Marco Rossi: “Lavorare per il Genoa è il massimo”

Il Capitano annuncia: "Dopo le esperienze nel settore giovanile e con l’Under 17, ho intrapreso, d’intesa con la proprietà e il club che ringrazio, un incarico che mi fa essere operativo sui campi"

2264
Marco Rossi con Andrea Carretti (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Quando giocava con la mitica maglia rossoblù, correva come una Ferrari su tutti i terreni di gioco. Chi è? Ma è il Capitano: Marco Rossi, cuore genoano amato da tutti i tifosi. Ora ha un nuovo compito nel Genoa che spiega ai microfoni del sito ufficiale del club più antico d’Italia: “Seguo come osservatore i giocatori che la società ha in giro. Viaggio in lungo e in largo, redigo relazioni, informo i responsabili. Aggiorno sullo stato delle cose” racconta davanti allo scalone della splendida Villa Rostan, gioiello architettonico del ‘500.

Marco Rossi ci tiene a sottolineare un concetto importante: “Lavorare per il Genoa è il massimo. Dopo le esperienze nel settore giovanile e con l’Under 17, ho intrapreso, d’intesa con la proprietà e il club che ringrazio, un incarico che mi fa essere operativo sui campi. Mi piace rendermi utile con queste mansioni. Mando un abbraccio a tutti”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.