Bologna, Donadoni: “La squadra ha avuto lo spirito e il carattere giusto. Palacio? E’ un giocatore con la G maiuscola”

Il tecnico del bologna:"Quest'anno c'è più continuità e noi dobbiamo ragionare in questi termini, il resto arriverà di conseguenza"

55
Roberto Donadoni (foto Valerio Pennicino/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

A seguito della vittoria contro il Genoa il mister del Bologna Donadoni è stato raggiunto dai microfoni di Premium Sport. Ecco le sue parole:

“La squadra ha avuto lo spirito e il carattere giusto, non a caso arrivano le vittorie anche se soffri, i ragazzi si stanno impegnando per questo salto di qualità e penso che ci arriveremo. Nel primo tempo dovevamo concretizzare meglio, proprio in questo dobbiamo migliorare nel finalizzare tutto il lavoro che viene fatto, c’è qualche limite che dobbiamo toglierci e crescere”

Con questa la squadra felsinea arriva a tre vittorie fuori casa:

“Noi dobbiamo pensare di crescere e continuare ciò che stiamo facendo, limando le cose che vanno migliorate, sappiamo quale è la nostra dimensione, sappiamo che possiamo crescere ma dobbiamo tenere i piedi per terra e prepararci per la prossima che è fondamentale”

Sulle sue previsioni precampionato:

“Il percorso e il risultato passano anche dalla prestazioni che devono essere valutate, quest’anno c’è più continuità e noi dobbiamo ragionare in questi termini, il resto arriverà di conseguenza”

Su Palacio:

“E’ un giocatore con la G maiuscola, è prima di tutto un uomo e una grande persona che ha portato lo spirito giusto, si è allenato per conto suo, poteva essere in ritardo invece vedete come sta. E’ una grande soddisfazione per l’allenatore, ragazzi non più giovanissimi che lavorano così per tutta la settimana e si adoperano anche per i giovani perché sono un esempio per tutti”

Sulla poca cattiveria dell’attacco:

“Mattia Destro ha questo discorso nel dna, Petkotic invece non si porta dietro questa caratteristica e deve lavorarci per migliorare. Ragiona molto da altruista, un po’ il difetto che avevo io ma bisogna pensare anche a buttarla dentro. E sono convinto che ci arriverà, deve lavorare sulla sua fisicità, ha tanti margini ed è bello lavorarci”

Su Verdi e la sua convocazione in nazionale:

“Ha fatto una gara da giocatore vero e questo mi piace. Siamo abituati a vederlo a tratti ma stasera ha fatto una gara con più continuità e personalità, se continuerà a crescere da questo punta di vista diventerà un giocatore importantissimo per il Bologna e per la nazionale, ha delle qualità fantastiche”

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.