Gervasi (Under 15 Genoa): “Play off traguardo importante”

Nell'ultimo turno in trasferta a Torino, i ragazzi rossoblù hanno la possibilità di accedere direttamente alle final eight

54
Gabriele Gervasi, tecnico dell'Under 15 (Foto Genoa cfc)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“E’ stato un traguardo per certi versi inaspettato considerando le premesse e le difficoltà riscontrate all’inizio”. Gabriele Gervasi, tecnico dell’Under 15 del Genoa formatosi come calciatore e allenatore in squadre del ponente ligure, racconta al sito ufficiale rossoblù “l’epopea” dei suoi ragazzi che per il secondo anno consecutivo si sono qualificati ai play off del campionato di categoria. Non solo: in caso di vittoria nell’ultimo turno in trasferta contro il Torino, dopo la sosta per Pasqua, c’è in ballo la qualificazione diretta alle final eight visto che i ragazzi rossoblù sono in testa alla pari con Sampdoria, Juventus ed Empoli, tutti a quota 51 punti. “Credo che una chiave di volta – prosegue l’allenatore – sia stata la capacità di soffrire. In una stagione disgraziata per i numerosi infortuni, abbiamo vinto molte partite con un gol di scarto. Significa che in campo eravamo sul pezzo e siamo usciti solo dopo avere raschiato tutto. In tanti hanno avuto la possibilità di giocare. Parecchi ragazzi del 2003 sono venuti a darci una mano”.

Non è stato un cammino tutto rose e fiori. Gervasi racconta anche le difficoltà incontrate nella fase a gironi: “Abbiamo avuto dubbi a capire il verso, la direzione in cui andare. Quando vedi i ragazzi allenarsi con i colleghi, non hai le stesse percezioni. Non avevamo individuato i punti cardine del lavoro, siamo riusciti ad aggiustare il tiro anche con l’intervento dei responsabili, che battono i campi e ai quali non sfugge nulla. Io e Ferroni abbiamo seguito le dritte giuste, il processo è stato accorciato da alcune felici intuizioni. Trattandosi di giovani non è possibile contare su una crescita omogenea. Per definizione sono soggetti a parabole, ascendenti o discendenti che siano, in brevi lassi di tempo. Al di là dei valori della squadra, lo staff si è adoperato in un modo incredibile. Dalla mia ‘bibbia’ Ferroni a Orlando, da Gagliardi al dottor Rebizzo con il fisioterapista Frixione. Ai team manager Perasso e Da Ronch. Al dirigente Campanini. A loro dovrei erigere un monumento”.

La crescita personale dei ragazzi è stata curata di pari passo con quella sportiva: “Non so quanti ragazzi potranno avere un futuro nel calcio, perciò è importante puntare a farli crescere prima come persone che come atleti. La società fornisce delle linee guida. Esistono regole comportamentali per l’andamento scolastico e norme di carattere etico. Credo però allo stesso tempo che vada sempre tutelato, vista l’età, l’aspetto ludico. Serve sì responsabilizzarli, come preservare il divertimento nel gioco. Nel settore giovanile lavora una bravissima psicologa come la dottoressa Viacava, alla quale noi tecnici non possiamo sostituirci. Ma è fondamentale essere corretti e leali, trovando con i giovani il giusto modo per comunicare. A maggior ragione quando si tratta di dire cose che possono fare male”.

Infine Gervasi spiega il lavoro di interazione anche con le altre squadre giovanili rossoblù: “Si cerca sempre di aggiornarsi e provare nuove strade. Con l’Under 16 di mister Oneto, con cui ho un rapporto speciale, abbiamo unito le forze nell’ultimo periodo. Si sono create notevoli sinergie negli allenamenti, svolti insieme dalle leve 2001 e 2002. I ragazzi hanno usufruito delle competenze di due staff e non di uno. Una metodologia atipica che è stata apprezzata dai vertici e sta dando i suoi frutti. Io e lui curiamo lo sviluppo del gioco, Ferroni e Francomacaro seguono la parte difensiva, Jacopo Sbravati le finalizzazioni, Orlando e Caligaris la preparazione. Un ringraziamento speciale va a coloro che operano nella Cantera e alla Barabino & Partners che ha fatto dello Sciorba Stadium un gioiello. Dopo la sosta avremo la trasferta con il Torino. Non ancora è finita”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.