Alessandro Russo, il talento che ha Perin come mito

Classe 2001, quasi due metri d'altezza e una mentalità già ben riconoscibile

1536
Il portiere Alessandro Russo dell'Under 17 (da genoacfc.it)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

E pensare che giocava a basket… La carriera sportiva di Alessandro Russo, promettente portiere delle giovanili del Genoa, aveva preso una strana piega. Dal calcio alla pallacanestro, con ritorno. Dal pallone di cuoio a quello a spicchi, con un denominatore comune: l’utilizzo delle mani. Per effettuare una parata, piuttosto che per mandare la palla dentro l’anello fuori dall’arco, non fa differenza: Russo le usava bene in entrambi i casi. Poi la chiamata dell’F24 Messina, la società di Carmine Coppola, idolo dello stadio San Filippo-Franco Scoglio con due capatine a Coverciano nel 2005. Di nuovo la folgorazione per i guantoni, le uscite alte e basse.

Alessandro Russo è un talento che i dirigenti del settore giovanile rossoblù hanno visionato anzitempo, battendo la concorrenza di Juventus, Atalanta e Roma. Merito a loro ma merito anche all’F24 Messina che ha mantenuto la parola data al Grifone, rinunciando tra l’altro a un maggiore introito di denaro garantito dagli altri club. Russo è il primo portiere delle giovanili che il Grifo acquista fuori Genova, dopo Perin (che è di Latina) che come lui ama follemente il basket, soprattutto i Golden State Warriors della NBA. Sarà mica il ruolo che influenza i gusti sportivi?

Dalla Calabria alla Sicilia, poi su fino a Genova dopo il sigillo di qualità impresso da un fuoriclasse come Gianluca Spinelli. Molti operatori parlano benissimo di questo ragazzo del 2001 di buona famiglia – che tifa Reggina – alto 1,94 m e con ulteriori margini di crescita fisica. Ma è la mente di Russo a suscitare relazioni entusiastiche dagli operatori di settore: è equilibrato, raramente perde le staffe. In estate può diventare il portiere della Primavera e nel giro di un anno e mezzo affrontare la sua prima esperienza tra i professionisti, come ha fatto Plizzari dal Milan alla ternana. Il Genoa, quando si tratta di portieri, non sbaglia un colpo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.