Il Parma, Del Piero e la numero 10: ecco la Lapadula-story

Era il novembre 2015: Gianluca era in vetta alla classifica marcatori di Serie B e si raccontò a tutto tondo alla Gazzetta dello Sport

159
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

[tps_title]Il nuovo Diez[/tps_title]

L’ultimo Diez rossoblù è stato El Monito. La “scimmietta”, quel Diego Perotti che tante noie dava ai difensori avversari. Partito Diego, a ereditare il numero più affascinante è stato Ntcham, mutatis mutandis, ma il francese non è riuscito a ottemperare la 10 con prestazioni all’altezza. Oggi, invece, si cambia: non più un centrocampista estroso (Perotti) né un prospetto dinamico e talentuoso (Ntcham, in teoria): ecco una punta, che ha lasciato impropriamente la 9 a Centurion. Interessante come Gianluca, che ora veste la Diez, possa far scambio con Ricardo al fine di omologarsi alla tradizione. In ogni caso, il primo numero a due cifre è sulle spalle del neoarrivato dal Milan: “Io nasco a Torino, vicino al Filadelfia, ma sono juventino. Ho fatto il raccattapalle quando c’era Zidane, ma il mio mito è sempre stato Alessandro Del Piero. Un esempio, un grande uomo, una fonte d’ispirazione”. Tutta gente da 10, come numero di maglia e come prestazioni in pagella, ma ultimamente Gianluca si ispira ad un 9. Che però gioca attualmente a Torino: Gonzalo Higuain (“E’ il più completo, abbina tutto: gol, assist, destro, sinistro, è nel vivo della manovra”). L’intenzione, certamente, è di dotare il Genoa di un Pipita. Lapadula, ovviamente, ha tutto per riuscire in questo compito.

Gianluca Lapadula durante Genoa-Juventus del 26 gosto 2017 (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
Gianluca Lapadula durante Genoa-Juventus del 26 agosto 2017 (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.