Il recente bilancio tra Genoa e Inter è una partita a ping pong

Nelle ultime 8 sfide, 4 successi a testa. E una curiosità: non si riesce davvero a vincere fuori casa...

148
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

[tps_title]2014-15[/tps_title]

 

  • Inter-Genoa 3-1, 11 gennaio 2015 (12′ Palacio, 39′ Icardi, 88′ Vidic – 85′ Izzo). E l’anno dell’Europa League, del tridente Falqué-Matri-Lestienne, dell’Inter con Podolski e Shaqiri (stavolta in panchina). E’ il solito Genoa da trasferta, meno incisivo, tanto che Palacio e Icardi regolano la pratica nel primo tempo. La ripresa vede il tris di Vidic nel finale, ma solo dopo che una topica di Handanovic su conclusione di Tino Costa ha permesso a Izzo di segnare la sua prima e unica rete in rossoblù…

 

  • Genoa-Inter 3-2, 23 maggio 2015 (24′ Pavoletti, 42′ Lestienne, 89′ Kucka – 19′ Icardi, 30′ Palacio). E’ l’ora della vendetta, nonché l’ultima vittoria stagionale dell’EuroGenoa e l’ultima al Ferraris di quella stagione. E’ la partita dei tanti pali e traverse (Pavoletti, Kovacic e Brozovic nella stessa azione), della girata acrobatica del Pavo, della frittata tra Handanovic e Ranocchia a regalare il primo e unico gol, italiano e rossoblù, del belga Maxime Lestienne. La partita dell 3-4-3 atipico del Gasp (Rincón a destra, Edenilson a sinistra) contro il 4-3-1-2 di Mancini, due volte in vantaggio con Icardi e l’ex Palacio, che poi non ha esultato per rispetto verso il suo Grifone. E’ Kucka, su punizione, a trovare il pertugio perfetto per coronare un’annata storica e mitica, quando ormai il 90′ è alle porte: senza Perotti, infortunato ma convocato lo stesso e tenuto in panchina per festeggiare l’Europa League conquistata sul campo, va a referto un match unico e spettacolare. Dopo le goleade contro Atalanta (1-4 a Bergamo) e Torino (5-1 a Genova), il terzo atto di un rush finale da urlo…

Pavoletti gol in Genoa-Lecce

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.