Muñoz: “Con Juric avrei avuto poco spazio. Adesso marcherò Ronaldo e Messi”

L'ex difensore del Genoa: "Mister Juric sceglie di dare poca confidenza ai calciatori, avevo un rapporto semplice da giocatore con lui"

51
(da achtzehn99.de)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Ezequiel Muñoz saluta i tifosi del Genoa: “Mi è dispiaciuto lasciare il Grifone, ha una delle tifoserie piu belle del mondo. Ma avevo voglia di cambiare aria e provare una nuova esperienza“. Destinazione Madrid per il Chiquito, sponda Leganes. L’obiettivo stagionale non cambia nemmeno in Liga, la salvezza: cambia, semmai, il minutaggio. “Se fossi rimasto non avrei avuto molto spazio. Sono cose che si capiscono anche parlando con l’allenatore. Con Juric avevo un rapporto allenatore-giocatore perché preferisce non dare tanta confidenza ai calciatori: ma è giusto così. Tante volte l’allenatore preferisce altri calciatori, ci può anche stare” spiega Muñoz a TMW.

L’avventura nel campionato spagnolo lo farà esordire su palcoscenici di primo livello, tipo il Bernabeu o il Camp Nou: “Sarà un’emozione unica marcare CR7 e Messi. Però faccio il difensore, devo difendere e l’emozione deve passare subito. Il Genoa? Lo seguirò dalla Spagna, sono certo che farà bene; Rossettini è un centrale bravo, come Spolli“.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.