Braglia: «Balotelli non è un uomo spogliatoio»

«Il Genoa ha bisogno di uomini squadra» spiega l'ex rossoblù

3028
Braglia
Simone Braglia (Foto Pianetagenoa1893.net)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Intervenuto come opinionista durante la trasmissione “We are Genoa” in onda su Telenord, Simone Braglia è tornato sulla vittoria del Grifone contro il Crotone: «Una vittoria convincente per la classifica e per il morale. I rossoblù hanno interpretato la partita nel miglior modo possibile, ossia con uno spirito gagliardo, ciò che non si è mai visto dopo il lockdown. Sono fiducioso in Faggiano, può portare delle soddisfazioni alla piazza genoana».

«Perin? Incolpevole sul gol di Riviere: la traiettoria del cross è stata “sporcata”, non ci sarebbe arrivato nessun portiere. Tutt’al più era Zapata a dover difendere meglio. Numero dodici? Può farlo Zima, ha tanta esperienza quanta quella di Radu al momento del suo debutto: inoltre, a differenza del portiere romeno, conosce l’ambiente» aggiunge Braglia.

Sull’ipotesi mercato legata a Balotelli: «Gli uomini di Raiola non sono mai a buon mercato, quindi il Genoa corre il rischio di pagare anche una commissione all’agente. Balotelli non è un uomo spogliatoio, servono più uomini squadra per rendere il Genoa meno labile. Inoltre consiglio alla società di far parlare Maran e non gli operatori di mercato sulle questioni tecnico-tattiche altrimenti agli occhi della gente appare delegittimato».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.