Pellè: “Mi scuso, ma non volevo prendere in giro nessuno”

"Se avessi segnato il rigore per tutti sarei stato un fenomeno" aggiunge il centravanti azzurro

72
Graziano Pelle sbaglia il rigore contro la Germania (Alexander Hassenstein/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Chiedo scusa all’Italia, ma non volevo prendere in giro nessuno, neanche il loro portiere”. Graziano Pellè, riporta Sky Sport, si scusa con tutti i tifosi italiani per il rigore sbagliato contro la Germania e per il dileggiamento di Neuer durante i penalty. “Siccome si muoveva molto – spiega il centravanti della nazionale – ho fatto il gesto dello scavetto, sperando che si fermasse. Ma credo che manco se ne sia accorto”. Pellè prosegue: “Sono il primo ad essere dispiaciuto, anche se alla fine Neuer mi ha salutato, dicendomi che sono un gran calciatore. Sono arrivato qui da nessuno e vado via da nessuno, se avessi segnato il rigore per tutti sarei stato un fenomeno”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.