ESCLUSIVA PG, SUNDAS: “Cassano nel direttivo Genoa? Perché no. L’imprenditore è solido”

L'agente Fifa: "Vogliamo acquistare il Genoa". La stoccata ai Della Valle

103
Il manager Alessio Sundas (dal suo profilo Facebook)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Pianetagenoa1893.net ha intervistato in esclusiva Alessio Sundas, agente Fifa a capo della Sport Man. Gli ultimi aggiornamenti sulla cessione societaria del Genoa lo indicano come interessato all’acquisto del club più antico d’Italia attraverso la figura di un solido imprenditore italiano.

Chi siete? «La Sport Man è una società che da venti anni ricerca sponsor: contattiamo delle grosse aziende e proponiamo di diventare main sponsor (quello impresso sulle maglie) delle società di calcio. Se un club è in vendita e ci contatta cerchiamo investitori, in cambio entriamo come area tecnica nel settore giovanile. Abbiamo espletato la procedura di legge per presentare l’offerta d’acquisto del Genoa: aspettiamo la risposta di Enrico Preziosi».

E’ vero che Preziosi vi ha risposto con una sfilza di punti interrogativi? «Era un messaggio vecchio di almeno dieci giorni. Spero che il presidente Preziosi accetti di sedersi a un tavolo e ascoltare i numeri della proposta ufficiale. La nostra intenzione è quella di nominare Antonio Cassano nel direttivo rossoblù, lo reputo una persona capace in tal senso: non è stato ancora contattato, solamente perché agiamo passo dopo passo e vogliamo dare la precedenza a un grande ex come Marco Rossi».

Subentrerete in caso di esito negativo della due diligence tra Fingiochi e Sri Group? «Credo proprio di sì, l’imprenditore interessato è solido e solvibilissimo dal punto di vista economico, può anche presentarsi con un acconto da trenta milioni di euro. Non è un tifoso di calcio, semmai di tennis: non voglio illudere nessuno. Venire allo stadio non sarà un problema, posso esserci sempre io a seguire le partite del Genoa. Il club più antico d’Italia ha dei grossi numeri, soprattutto nel calore dei tifosi».

Perché vi siete palesati così tardi? «Dovevamo gestire tre imprenditori. Uno è interessato ad acquistare il Cordova, cadetteria spagnola; un altro è diventato main sponsor in Serie A; l’altro, con un fatturato da 790 milioni di euro, voleva rilevare la Fiorentina. Solo ieri i Della Valle ci hanno comunicato il rifiuto dell’offerta: così nasce il ritardo, li abbiamo aspettati per un mese e mezzo intanto che loro vendevano tutti i giocatori. Adesso l’intenzione è quella di acquistare il Genoa».

Alessandro Legnazzi

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.