Peccato, il Genoa avrebbe meritato il pareggio. Applausi per El Yamiq

I rossoblù, mediocri e impacciati nel primo tempo, hanno sfoderato una buona prestazione nella ripresa. Ottimo debutto del difensore del Marocco

140
Marco Liguori (Pianetagenoa1893.net)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Peccato. E’ davvero un peccato, miei cari amici genoani da Boccadasse al Mato Grosso, per il Genoa di non aver potuto approfittare di una Roma apparsa timorosa per lunghi tratti della gara: il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto. Intendiamoci: i giallorossi erano sicuramente provati dal doppio impegno in Champions League contro il Barcellona e il derby di domenica, oltre a essere in formazione diversa rispetto al solito. Ma i giallorossi non sono stati per nulla travolgenti. Purtroppo il Grifone ci ha messo del suo, innanzitutto con una prestazione non convincente nel primo tempo: a ciò occorre aggiungere la dormita della difesa sul gol di Under e con la clamorosa autorete di Zukanovic. I rossoblù si sono svegliati solo sul 2-0 e con l’ingresso di Medeiros, Rossi e Cofie: tre mosse indovinate del condottiero Ballardini che ha dato più incisività all’attacco ed equilibrio nella fase difensiva. Il gol del convincente Lapadula ha riaperto i giochi: purtroppo non è arrivato il pareggio, sfiorato almeno due volte.

Individuo quattro note positive nella serata dell’Olimpico (ahimè!) ancora stregato per il club più antico d’Italia. La prima è una conferma: Perin, sempre pronto nei momenti topici della partita. La seconda è Lapadula: lotta, segna e crea tanti problemi a Fazio. A seguire Migliore: ogni volta che entra in campo non fa rimpiangere Laxalt, ma percorre tanti chilometri con tanto costrutto. Ultimo, ma non per questo meno importante, è El Yamiq: il difensore del Marocco che tutti abbiamo accolto con grande simpatia. La sua prestazione nel debutto assoluto in serie A con la maglia red&blue ha convinto: sicuro e deciso, ha frenato gli ardori dell’ex El Shaarawy, sempre attento in fase di disimpegno e rilanciava con precisione i palloni per i compagni. Qui si può vedere la sua fotogallery.

Lunedì sera alle 20.45 (ma che giorno nefasto, assieme al sabato pomeriggio, per giocare!) arriverà il Verona. Una eventuale vittoria porterebbe il Genoa a 41 punti e concluderebbe il discorso salvezza. Difficile, molto difficile, l’obiettivo 10° posto che regalerebbe un po’ di soldi in più al club più antico d’Italia: ma hai visto mai? Passo e chiudo!

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.