Fine d’anno con punto d’oro per il Genoa

Il Grifone di Ballardini conquista un pareggio importantissimo a Torino per la salvezza: salgono ad otto i punti conquistati in trasferta

73
Marco Liguori (Pianetagenoa1893.net)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“E il diesel il ritmo della vita, è la giusta propulsione per la nuova situazione, e diesel è il ritmo delle cose, è la nuova propulsione della nuova situazione, giusta propulsione per la nuova situazione”. Le parole del celebre hit “Diesel” di Eugenio Finardi (vedi sotto il video), miei cari amici genoani da Boccadasse al Mato Grosso, calzano a pennello al Tir Genoa che oggi ha caricato un punto d’oro a Torino ed è ripartito sulla strada verso la salvezza. Riepilogando: il Grifone targato Ballardini ha conquistato 12 punti in 7 partite (Con Juric 6 punti in 12 gare), frutto di 3 vittorie (due in trasferta), 3 pareggi e una sconfitta in casa contro l’Atalanta, con 5 gol segnati e 3 subiti. Perin non incassa gol da tre gare. In particolare, sono 8 i punti raccolti lontano dal Ferraris: segno che la disposizione difensiva funziona al meglio in queste partite. Trasportando punto su punto sul  suo autotreno, Ballardini ha raggiunto quota 18 punti, lasciandosi alle spalle Spal, Crotone, Verona e Benevento. Numeri importanti che mettono in rilevo il cambio di marcia della squadra rossoblù: lenta ma concreta nel raggiungere i risultati. “Primum vivere, deinde philosophari”, prima vivere e poi pensare a filosofare sui massimi sistemi: il Balla è perfettamente riuscito ad applicare questa massima latina.

L’altra faccia della medaglia della trazione diesel rossoblù è la scarsa propensione a tirare in porta. Anche contro il Torino i tiri sono arrivati col contagocce: 4 in totale, contro i 12 avversari, di cui uno soltanto in porta (7 dei granata). Le statistiche riferiscono inoltre di 11 occasioni da gol per i padroni di casa, una soltanto per il Grifone. E’ un vero, problema, la cui risoluzione diventa ancora più impellente nelle partite casalinghe. Bisognerà provvedere con qualche innesto nel mercato di gennaio: sperando che il Genoa non si trovi nella (ahimè!) consueta situazione di dover cedere qualche pezzo pregiato. Se fosse possibile, se ne dovrebbe parlare nella sessione estiva.

Sabato prossimo arriva il Sassuolo e bisognerà cercare di conquistare tre punti contro una diretta rivale per la lotta salvezza: in caso di vittoria, il Genoa trascinerebbe nuovamente in basso gli emiliani, ora a quota 21 assieme al Chievo. Sarà una dura battaglia, ma si spera che dopo i tre punti col Benevento portati da Babbo Natale e il punto di fine anno col Torino, possa arrivare una lieta sorpresa anche nella calza della Befana. Buon 2018 a tutti: passo e chiudo!

https://youtu.be/yzfl6vM4wG8

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.