Adelante! Adelante! C’è un uomo al volante del Tir Genoa: Ballardini

Il tecnico ha trasformato il Grifone da auto da corsa inconcludente ad autotreno che macina chilometri e porta punti a casa

78
Marco Liguori (Pianetagenoa1893.net)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Passa correndo lungo la statale un autotreno carico di sale”. Proprio domenica sera nella presentazione della partita, miei cari amici genoani da Boccadasse al Mato Grosso, vi spiegavo (prendendo a prestito i versi di una canzone di Francesco De Gregori) come Davide Ballardini ha trasformato il Genoa: da auto da corsa inconcludente a Tir che macina chilometri e porta risultati a casa. Stasera il Bisonte (pardon: il Grifone) della strada ha portato, suonando le sue trombe e accendendo i suoi tanti fari, il suo carico di sale a Verona, rovinando il pandoro gialloblù come avevo auspicato ieri. Adelante! Adelante! Lo ha guidato il mister romagnolo, in una serata di più ombre che luci (risultato a parte): la squadra non ha giocato bene, non ha sfruttato le fasce, tranne che in poche occasioni tra cui quella della volata di Taarabt che ha portato Pandev a realizzare il gol vincente. Tanto da far arrabbiare più volte il tecnico: ma alla fine è arrivata la vittoria. Un successo che, come ha ricordato il nostro Francesco Patrone, mancava da ben 58 anni contro l’Hellas: un’eternità! Ed è servito a lasciare la zona retrocessione, lascandola a Spal, Verona e Benevento: non solo, i rossoblùa quota 13 ci sono dietro Crotone e Sassuolo.

Anche al Bentegodi, il Tir rossoblù ha mostrato la sua robustezza nella difesa col trio Izzo-Spolli-Zukanovic, rafforzato da Rosi e Laxalt in fase di non possesso: un gol (subito dalla Roma) in tre partite che ha contribuito alla conquista dei sette punti che danno finalmente tanta serenità all’ambiente rossoblù. Sono apparsi un po’ appannati Rigoni e Bertolacci: entrambi si sono mangiati due occasioni d’oro che avrebbero potuto chiudere la gara in anticipo. Ci ha pensato il tecnico a sistemare le cose, con tre cambi (Lapadula, Omeonga e Biraschi) giusti al momento giusto. Ma c’è tempo per migliorare: l’importante è portare fieno in cascina. Il campionato è una gara per regolaristi: chi riesce ad esserlo di più, può ambire a determinati traguardi. E la fame di risultati e vittorie non deve mancare mai, come ha spiegato Ballardini: guai ad appagarsi. Lunedì prossimo arriverà un cliente per nulla facile: l’Atalanta dell’ex allenatore Gian Piero Gasperini. Il Tir rossoblù dovrà saperlo affrontare e proseguire la sua marcia costante: passo e chiudo!

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.