Radu: “Mi sono emozionato, i nostri tifosi sono incredibili”

Il primo derby non si dimentica mai, firmato Radu. Il giovane portiere rumeno ha vissuto la stracittadina da(quasi) spettatore, non dovendo compiere interventi di rilievo, ma a restare sono le emozioni vissute ammirando la Nord ruggire.

1506
Radu
Andrei Radu (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Piccoli portieri crescono all’ombra della Lanterna. E’ il caso di Radu, arrivato come promessa ma promosso titolare in pianta stabile nel volgere di una manciata di partite. Il suo primo derby della Lanterna è scivolato via senza dover compiere grossi interventi, merito che il numero uno rumeno condivide con i compagni così come l’amarezza per una vittoria sfiorata ma che sarebbe stata meritatissima.  “Durante la settimana abbiamo lavorato al massimo, sentivamo tanto questa partita. Abbiamo fatto un derby spettacolare, ci è mancata un po’ di fortuna e poi il loro portiere è stato molto bravo, devo fargli i complimenti. Quando sono entrato in campo ho vissuto un’emozione incredibile: mai visto un derby con un’atmosfera così. Mi sono emozionato, i tifosi sono stati incredibili, speriamo di non averli delusi. Da martedì analizzeremo tutti gli errori commessi per imparare e migliorare. Noi dobbiamo guardare il bicchiere mezzo pieno, abbiamo fatto un grande gioco, dobbiamo ripartire da qui. Grazie ai miei compagni non ho dovuto compiere parate importanti. Oggi meritavamo i tre punti,  c’è stato un pizzico di sfortuna ma tanto merito va ad Audero,  ha fatto delle parate importanti.  A Torino con la stessa mentalità di oggi, tutte le partite sono difficili.Stamane avevo visto che Ronaldo aveva raggiunto Piatek in testa alla classifica marcatori, sono contento per lui, anche lui deve ripartire da questa prestazione”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.